TwitterFacebookGoogle+

Bangladesh, dalla tolleranza al fondamentalismo islamista

Roma – Paese tradizionalmente tollerante, il Bangladesh non e’ stato teatro nel passato recente di attentati a sfondo islamista in grande stile. Ma negli ultimi anni il Paese ha vissuto uno stillicidio di episodi di intolleranza religiosa e omicidi attribuiti al fondamentalismo islamico. Sono morti blogger, monaci indu’, attivisti e intellettuali laici e anche un cooperante italiano, Cesare Tavella.

Il Paese e’ da tempo sotto attacco e solo negli ultimi due mesi c’e’ stata un’ondata di aggressioni attribuiti alla matrice jihadista, che ha causato diversi morti. A inizio giugno un gruppo di persone armate ha massacrato un monaco 70enne indu’. Due giorni prima era toccato a un commerciante cristiano, ucciso a colpi di machete. A meta’ maggio un ennesimo episodio di intolleranza religiosa: era stato ucciso un monaco buddista 75enne. Ad aprile i jihadisti dell’Isis hanno rivendicato, sull’agenzia di stampa Amaq, controllata dal gruppo ultra-radicale, l’omicidio di un accademico trucidato anche lui a colpi di machete: aggredito alle spalle, la colpa del 58enne professore era di essere “ateo”. Anche diversi blogger hanno pagato con la vita il prezzo delle proprie idee, considerate troppo liberali dai fondamentalisti islamici. E anche gli italiani hanno versato sangue all’aggressivita’ del fondamentalismo: il 18 novembre scorso e’ stato ferito gravemente il missionario italiano Piero Parolari; e due mesi prima era stato ucciso dall’Isis il cooperante Cesare Tavella, freddato mentra faceva jogging nel quartiere diplomatico di Dacca, non lontano dal luogo dell’ultima strage dell’Isis. Stessa sorte toccata anche a un collega giapponese di Tavella, Kunio Hoshi. (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.