TwitterFacebookGoogle+

Bangladesh, identificato mandante strage italiani a Dacca

Dacca – La polizia del Bangladesh ha identificato uno dei mandanti e organizzatori dell’assalto del 1 luglio scorso contro un ristorante di Dacca, durante il quale un commando di almeno cinque terroristi prese in ostaggio numerose persone per poi trucidarne venti, diciotto delle quali straniere, tra cui ben nove italiani. Si chiama Tamim Chowdhury, ha una trentina d’anni e possiede doppia nazionalita’, canadese e del Paese asiatico, ove era rientrato proprio dal Canada tre anni fa: da allora, secondo il rapporto preliminare degli inquirenti, si e’ dedicato anima e corpo a radicalizzare i giovani musulmani piu’ ortodossi, finanziandone addestramento ed equipaggiamento e impartendo loro istruzioni per colpire. Attualmente latitante, sarebbe leader di una fazione particolarmente feroce di ‘Jamaat-ul-Mujaheddin Bangladesh’, o Jmb, gruppo ultra-islamista fondato nel 1998 e al bando dal 2005, ritenuto responsabile di decine di omicidi di stranieri o esponenti delle minoranze religiose bengalesi.

Oltre ad aver formato i miliziani che all’inizio del mese irruppero nel ristorante ‘Holey Artisan Bakery ‘ di Gulshan, il quartiere diplomatico nel cuore della capitale, Chowdhury avrebbe fatto altrettanto per i fondamentalisti che una settimana dopo a Sholakia, nel nord, attaccarono un raduno di 250.000 fedeli riuniti per celebrare Eid al-Fitr, la ricorrenza che sancisce la fine del mese sacro del Ramadan, trucidandone tre. Avrebbe inoltre procurato armi, esplosivi, denaro, istruzioni e persino il nascondiglio a nove miliziani scoperti ed eliminati tre giorni fa dalle teste di cuoio a Kalyanpur, sobborgo sud-occidentale della capitale. Si e’ arrivati a lui attraverso le dichiarazioni rese sotto interrogatorio da un integralista arrestato in tale occasione, il 25enne Rakibul Hassan. In realta’ tanto il massacro di Dacca quanto quello a Sholakia sono stati rivendicati anche dallo Stato Islamico, e gli inquirenti stanno adesso tentando di stabilire se tra le due organizzazioni terroristiche esistano legami, in particolare di collaborazione e mutua assistenza. .

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.