TwitterFacebookGoogle+

Bangladesh, in quartiere strage fu ucciso Cesare Tavella

Roma – Crivellato da tre colpi d’arma da fuoco sparati da distanza ravvicinata mentre faceva jogging nel quartiere di Gulshan, la zona residenziale dove vive la comunita’ diplomatica di Dacca, poco lontano dal luogo della strage in cui hanno perso la vita gli ostaggi italiani. E’ morto cosi’ il 28 settembre 2015 Cesare Tavella, il cooperante di 51 anni di Ravenna che lavorava per la ong olandese Icco Cooperation. Allora l’Isis rivendico’ l’attentato su Twitter, anche se il governo del Bangladesh continuo’ per giorni a parlare di “un episodio isolato” non collegato direttamente ai miliziani dello Stato Islamico. Il Site Institute, societa’ Usa che monitora le attivita’ dei Jihadisti on line, riporto’ il testo della rivendicazione: “In un’operazione speciale dei soldati del Califfato in Bangladesh, una pattuglia ha preso di mira lo spregevole crociato Cesare Tavella dopo averlo seguito in una strada di Dacca. Ai membri della coalizione crociata diciamo: non sarete sicuri nelle terre dei musulmani. E’ solo la prima goccia di pioggia”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.