TwitterFacebookGoogle+

Bangladesh: "terroristi di casa, manovrati da Pakistan"

Dacca – Il governo di Dacca e’ convinto che nel massacro in un ristorante nel cuore della capitale l’Isis non c’entri. E punta il dito invece contro un gruppo jihadista locale, collegato all’opposizione e manovrato dai servizi segreti pakistani. Nella prima delle due giornate di lutto nazionale, emergono dettagli sugli autori del massacro, costato la vita a 20 ostaggi, dei quali 9 italiani, e rivendicato dall’Isis: il capo della polizia locale, Shahidul Hoque, ha detto che gli inquirenti stanno esaminando l’ipotesi di “collegamenti internazionali” e ha aggiunto che ci sono sospetti su “membri importanti dell’JMB”, Jamaeytul Mujahdeen Bangladesh, un gruppo jihadista locale messo al bando da una decina di anni, legato all’opposizione al governo, Jamaat e-Islami e all’ISI, i servizi pakistani. Secondo un altro esponente del governo, che ha parlato con l’emittente NDTV, i terroristi la notte del massacro scaricavano le immagini efferate su Internet, di cui hanno approfittato gli uomini dell’Isis in Siria ed Iraq per rivendicare la paternita’ dell’azione. “Avevano cellulari e portatili, che utilizzavano per scaricare le sanguinose immagini”, ha detto HT Imam, stretto collaboratore della premier Sheikh Hasina. “Sono state utilizzati dall’Isis e da altri per la rivendicazione”. “Le connessioni tra l’ISI pakistano e Jamaat sono ben note, vogliono defenestrare l’attuale governo”.  (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.