TwitterFacebookGoogle+

Basse dosi chemio più efficaci contro cancro al seno

New York – Eliminare completamente un tumore potrebbe essere una strategia sbagliata. Un gruppo di ricercatori della University of South Florida ha suggerito di lasciare “un po’ di tumore del seno” alle donne malate perché in questo modo si avrebbero più probabilità di sopravvivere alla malattia e di migliorare significativamente la qualità della vita. Mentre aggredire il cancro con dosi massicce di chemioterapia può uccidere le pazienti e permettere alle cellule malate resistenti di sopravvivere e prosperare, aumentando le probabilità di insorgenza di una recidiva. Il nuovo approccio è stato descritto su Science Translational Medicine ed è stato testato sui topi. All’inizio gli animali affetti da due tipi differenti di tumore del seno sono stati sottoposti alla chemioterapia tradizionale, ad alte dosi. Una volta interrotto il trattamento il tumore è tornato a crescere. Quando invece le cavie hanno ricevuto basse dosi di farmaci, il tumore è stato tenuto a bada per mesi. Dare dosi più basse di chemioterapia, inoltre, significa che i pazienti soffrono di meno a causa dei debilitanti effetti collaterali della chemioterapia, come nausea e perdita di capelli. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.