TwitterFacebookGoogle+

Bene dati Pil e occupazione, il governo esulta

(AGI) – Roma, 1 set. – Cresce a sorpresa l’economia nel secondo trimestre e migliora il dato sulla disoccupazione a luglio: il prodotto interno lordo, secondo l’Istat, e’ aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,7% nei confronti del secondo trimestre del 2014, piu’ della stima preliminare diffusa lo scorso 14 agosto che aveva rilevato una crescita congiunturale dello 0,2% e tendenziale dello 0,5%. Sul fronte lavoro, per l’Istituto di Statistica, la stima dei disoccupati e’ diminuita del 4,4% (-143 mila) su base mensile a luglio e dopo la crescita degli ultimi due mesi, il tasso di disoccupazione e’ calato di 0,5 punti percentuali, arrivando al 12,0% ai minimi da luglio 2013. Nei dodici mesi la disoccupazione e’ diminuita del 6,6% (-217 mila persone in cerca di lavoro) e il tasso di disoccupazione di 0,9 punti. Il doppio dato fa esultare il governo e Matteo Renzi scrive su twitter: “Cresce il Pil, crescono gli occupati, meno disoccupazione. Le riforme servono”. Per Renzi “e’ fondamentale che ognuno di noi dia una mano perche’ l’Italia ricominci a crescere, cosa che negli ultimi anni purtroppo non ha fatto, sembrava che l’Italia avesse bucato una ruota o fosse caduta in una discesa. Gli altri paesi europei andavano piu’ forte, non siamo ancora maglia rosa, ma siamo tornati nel gruppo grazie alle riforme che stiamo facendo. Io non mi accontento, voglio che l’Italia sia maglia rosa”, aggiunge”. Commenta positivamente anche il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che rivendicando che la crescita del Pil acquisita per quest’anno e’ dello 0,6%, una previsione “gia’ vicina alla nostra stima per l’anno (+0,7%). Padoan aggiunge che “con stime ragionevoli e affidabili, le finanze pubbliche sono sotto controllo e ci permettono di dare respiro alla ripresa”. Con l’economia in crescita e la disoccupazione in calo, continua Padoan, bisogna “consolidare e accelerare, ma la direzione e’ giusta”. “I dati sulla disoccupazione di oggi ci dicono che stiamo andando nella direzione giusta: ora dobbiamo accelerare”, aggiunge il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti. “I numeri del lavoro confermano l’avvio della ripresa economica certificato da indici come l’incremento del Pil, la riduzione dell’utilizzo della cassa integrazione e la crescita della fiducia dei consumatori”, aggiunge. Freddo il numero uno di Confindustria, secondo cui il dato non e’ lo specchio vero di una inversione di tendenza: la crescita dello 0,3% del Pil nel secondo trimestre dell’anno “non basta”, dice Giorgio Squinzi, e non e’ merito del Paese ma di fattori esterni. “Una crescita del Pil dello 0,3% non basta. Non e’ merito nostro, ma e’ dovuta solo al dimezzamento del prezzo del petrolio, al rafforzamento del dollaro e al quantitive easing della Bce. Non abbiamo fatto le pulizie interne – ha proseguito Squinzi – abbiamo bisogno di fare le riforme per far ripartire il Paese come si merita”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.