TwitterFacebookGoogle+

Bergoglio in Paraguay "Mai piu' guerre"

(AGI) – Asuncion, 11 lug. – Papa Francesco ha voluto rendere oggi pubblicamente omaggio alle “donne e madri paraguayane, che con gran coraggio e abnegazione, avete saputo rialzare un Paese distrutto, sprofondato, sommerso dalla guerra”. “Voi – ha detto a conclusione dell’omelai pronunciata nel Santuario di Caacupe’ – avete la memoria, il patrimonio genetico di quelle che hanno ricostruito la vita, la fede, la dignita’ del vostro Popolo. Come Maria, avete vissuto situazioni molto ma molto difficili, che secondo una logica comune sarebbero contrarie ad ogni fede”. “Come Maria – ha continuato – spinte e sostenute dal suo esempio, avete continuato a credere, anche ‘sperando contro ogni speranza’. Quando tutto sembrava crollare, insieme a Maria vi dicevate: Non temiamo, il Signore e’ con noi, e’ col nostro Popolo, con le nostre famiglie, facciamo quello che Lui ci dice. E li’ avete trovato ieri e trovate oggi la forza per non lasciare che questa terra finisca nel caos. Dio benedica questa tenacia, Dio benedica e conforti la vostra fede, Dio benedica la donna paraguayana, la piu’ gloriosa d’America”. “Come Popolo – ha aggunto – siamo venuti alla nostra casa, alla casa della Patria paraguayana, ad ascoltare ancora una volta queste parole che ci fanno tanto bene: ‘Rallegrati, il Signore e’ con te'”. Questo, ha spiegato, “e’un appello a non perdere la memoria, le radici, le tante testimonianze che avete ricevuto di gente credente e messa a rischio dalle sue lotte”. Una fede che si e’ fatta vita, una vita che si e’ fatta speranza e una speranza che ci porta a precedere nella carita’. Si’, alla maniera di Gesu’, precedere nell’amore”. “Siate voi – ha chiesto infine il Papa rivolgendosi a titti i paraguayani – i portatori di questa fede, di questa vita, di questa speranza. Siate voi i costruttori di questo oggi e domani paraguayano”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.