TwitterFacebookGoogle+

Berlusconi sereno, mi affido a Dio

Roma – “Sono sereno, e affronto questo passaggio delicato affidandomi a Dio ed alla straordinaria professionalità dei medici e del personale del San Raffaele”. Lo scrive, dal suo letto d’ospedale dove è ricoverato, Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia ringrazia “tutti coloro che mi hanno fatto pervenire manifestazioni di affetto ed espressioni augurali, mi hanno davvero commosso. Non dimenticherò le parole di amici, di esponenti politici, di collaboratori di una vita di lavoro, dei moltissimi sostenitori che mi hanno fatto sentire la loro vicinanza con calore straordinario”.

Seguo da qui le vicende politiche in vista dei ballottaggi – sottolinea Berlusconi – e chiedo a tutte le donne e gli uomini di Forza Italia il massimo impegno per far prevalere i candidati del centrodestra ovunque siano in campo. Forza Italia è pienamente operativa nei suoi organismi nazionali e periferici – conclude Silvio Berlusconi – ed e’ perfettamente in grado di operare in questi giorni di mia forzata assenza”.

Parisi, mai pensato di succedere a Berlusconi
Stefano Parisi, candidato dal centrodestra a sindaco di Milano, smentisce la possibilità di succedere a Silvio Berlusconi, qualora l’ex premier decidesse di lasciare il vertice di Forza Italia. “Sono chiacchiere giornalistiche, sono qui per fare il sindaco di Milano e non ho mai pensato ad altro”, dice a margine del convegno dei Giovani di Confindustria. “Sono sceso in politica per fare questo e non faro’ altro che questo”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.