TwitterFacebookGoogle+

“Bimba abusata all’oratorio”. Accuse anche alla parrocchia

VIOLENZA SESSUALE ROVIGO La piccola, di otto anni, sarebbe stata palpeggiata dal factotum durante una festa di compleanno. Gli avvocati della madre chiedono sia chiamata in giudizio come responsabile anche la parrocchia

Una bimba di neppure nove anni palpeggiata all’oratorio di una chiesa del territorio comunale di Rovigo, dal factotum, ossia dall’uomo, sui 55 anni, che, pur non essendo dipendente della parrocchia, sarebbe, secondo la ricostruzione dell’accusa, una presenza abituale qui. Tanto da ritenere, secondo gli avvocati che assistono la famiglia della piccola, che sia possibile citare in giudizio come responsabile civile, ossia domandando un risarcimento, anche la parrocchia stessa.
Il factotum della parrocchia la avrebbe abusata durante una festa di compleanno, al secondo piano dell’oratorio di una chiesa del territorio comunale di Rovigo, dopo avere allontanato il fratello, del quale si stava celebrando il compleanno. “Vai di sotto a prendere una sedia”, avrebbe detto al ragazzino l’uomo sui 55 anni, una presenza fissa o quasi, in parrocchia, tanto da avere le chiavi, sempre pronto a dare una mano, ad aiutare il parroco nei lavoretti. Poi, avrebbe preso in braccio la bambina, di otto anni, avrebbe mimato l’atto sessuale con lei, infine la avrebbe condotta in bagno e le avrebbe abbassato gli abiti e la avrebbe palpeggiata nelle parti intime.

http://www.rovigooggi.it/articolo/2017-06-06/bimba-abusata-all-oratorio-accuse-anche-alla-parrocchia/#.WTe7LWjyi72

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.