TwitterFacebookGoogle+

Bimba rapita: Coordinamento minori, "ora riportiamo Emma a casa"

(AGI) – Roma, 25 apr. – “Ed ora avanti tutta, e’ arrivato il momento di riportare la bambina a casa”. Aurelia Passaseo, presidente del Coordinamento internazionale associazioni a tutela dei diritti dei minori, commenta cosi’ la sentenza con la quale il Tribunale di Monza ha condannato a 10 anni per sottrazione di minore e sequestro di persona Mohamad Karat, il papa’ di Emma Houda, portata in Siria il 18 dicembre 2011 quando aveva 21 mesi. Una vendetta ai danni di Alice Rossini, l’ex moglie che aveva osato separarsi da lui: da quel giorno la donna non ha piu’ visto la figlia e non sa dove e con chi sia. “La sentenza (accompagnata dalla condanna a 50mila euro di risarcimento alla signora Rossini, ndr.) e’ solo una piccola vittoria, perche’ Emma e’ ancora in Siria sotto le bombe – ammette Passaseo – ma ora che il padre e’ ufficialmente un latitante da ricercare a livello internazionale bisogna accelerare le procedure per restituire la piccola alla mamma”. Storia simile a tante altre quella di Alice e Mohamad, coppia “mista” che – due anni dopo le nozze celebrate con rito civile ad Arcore, e nonostante l’arrivo della piccola Houda Emma (il 23 marzo 2010) – naufraga tra litigi e incomprensioni, nati dalla pretesa dell’uomo di imporre la fede musulmana alla famiglia: quando dalle parole si passa alle botte, lei presenta denuncia ai carabinieri e torna dalla madre a Vimercate. E’ l’ottobre del 2011: Mohamad, per bocca dello zio Yaser, si dice disposto ad accettare una separazione consensuale previo ritiro della querela, che lo danneggerebbe nell’iter per la cittadinanza: nell’attesa accetta di vedere Emma nei weekend, come concordato con un legale. Tutto sembra procedere verso un epilogo civile, e invece il 18 dicembre arriva la drammatica svolta. “Te la riporto stasera”, promette l’uomo, ma lui e la Volkswagen nera usata per il “sequestro” si volatilizzano. “Il passaporto di mio marito lo avevo io – racconta Alice – eppure lui riesce ad imbarcarsi alla Malpensa su un volo per Atene in compagnia di una donna e di Emma”. I mesi che seguono alla denuncia per sottrazione internazionale di minore riservano solo cattive notizie. Dopo le iniziali, ripetute minacce di morte, Alice si sente addirittura chiedere 300mila euro per riaverla. Tutto quello che puo’ essere fatto a livello legale, viene fatto: il legale di Alice Rossini ottiene l’affidamento esclusivo di Emma alla madre e la revoca della potesta’ genitoriale e un mandato d’arresto internazionale per Kharat ma nessuno dei provvedimenti viene notificato, perche’ nel frattempo la guerra civile provoca l’interruzione dei rapporti con le nostre autorita’ consolari in Siria. A complicare il dramma della madre, l’assenza quasi totale di notizie certe e dirette sulla sorte di Emma, che da indagini private risulterebbe con i nonni a Rashdeen, nei pressi di Aleppo. Viene chiesto aiuto alla Farnesina, al ministero della Giustizia, all’Interpol ma paradossalmente – dopo qualche foto e alcune telefonate – la prima “prova” concreta del fatto che la bimba e’ viva arriva da un servizio degli inviati delle “Iene” che riescono laddove in tanti hanno fallito, rintracciando Mohamad Karat al confine con la Turchia. Anche stavolta, la speranza che si sblocchi qualcosa naufraga presto, e si torna – soprattutto grazie all’impegno del Ciatdm – agli appelli bipartisan alle istituzioni, alle interrogazioni parlamentari, alle campagne on line, alle fiaccolate. Nel marzo scorso, Tiziana Montinari, coordinatore nazionale del dipartimento tutela vittime FdI-An scrive al ministro Gentiloni, rievoca le tappe del caso e gli chiede di prenderlo a cuore. Pochi giorni dopo, dalla Farnesina arriva l’assicurazione che il ministro conosce bene la storia e viene ribadito “l’impegno profuso sin dall’inizio dal ministero e dai suoi funzionari”. Nei giorni scorsi, la condanna a 10 anni per Karat: “la prima in assoluto nel nostro Paese – sottolinea il presidente del Ciatdm – destinata a ‘fare giurisprudenza’. Restiamo in attesa delle motivazioni, ma perche’ questo primo risultato si concretizzi c’e’ una sola strada: fare in modo che Emma e la sua mamma possano finalmente riabbracciarsi”. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.