TwitterFacebookGoogle+

Bimba uccisa da elica: comandante accusato di omicidio colposo

(AGI) – Cagliari, 9 lug. – E’ stato denunciato per omicidio colposo l’uomo, un cagliaritano di 59 anni, che era ai comandi dello yacht di 14 metro le cui eliche hanno ucciso una bambina di 11 anni tuffatasi dalla barca davanti alla spiaggia di Santa Margherita di Pula (Cagliari). In base alle testimonianze raccolte dai carabinieri e agli accertamenti tecnici, Letizia Trudu e il padre si sono tuffati in acqua assieme ad altre persone per raggiunge la riva, poco distante. Lo yacht da cui si erano buttati ha iniziato la manovra di allontanamento. Chi era ai comandi era convinto che il gruppo fosse gia’ abbastanza lontano. Invece, le eliche del motore acceso hanno ferito a morte la bambina. Le urla dei bagnanti hanno richiamato l’attenzione del comandante dello yacht che ha spento i motori e, secondo quanto emerso finora, si e’ buttato in acqua per soccorrere la bambina ferita portandola, con anche l’aiuto del padre, a nuoto sulla riva. Lasciata la piccola ai soccorritori, il comandante si e’ diretto verso la barca che nel frattempo era andata alla deriva. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.