TwitterFacebookGoogle+

Bimbo down rifiutato. Che cosa c’entra la pratica dell’utero in affitto?

Molti, a proposito delle triste vicenda di Gammy,  bambino down malato di cuore, non abbandonato, per essere precisi, ma semmai rifiutato, non accettato, se la sono presa con la pratica dell’utero in affitto. Ma che cosa c’entra questa pratica? Quante madri non accettano figli nati malati, ricorrendo all’aborto, oppure lasciandoli in ospedale,

dove la legge lo permette, oppure davvero abbandonandoli per strada o in qualche cassonetto? E che cosa c’entra la maternità surrogata? Nel 2005 a Mantova un bimbo down malato di cuore proprio come Gammy, non fu accettato dai genitori e lasciato alle cure dei medici. Decine di famiglie chiesero di adottarlo, ma dopo sette mesi, prima che i giudici decidessero a  chi affidarlo, il piccolo morì.

Francesca Ribeiro

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.