TwitterFacebookGoogle+

Bimbo palestinese ucciso, Israele teme la rabbia dei Territori – FOTO e VIDEO

(AGI) – Gerusalemme, 31 lug. – L’attacco di coloni israeliani in cui e’ rimasto ucciso un bimbo palestinese di appena 18 mesi rischia di far esplodere la rabbia nei Territori e a Gerusalemme est, dove la tensione era gia’ altissima dopo l’ingresso dei militari israeliani nella moschea di Al Qqsa, domenica scorsa. Il bimbo e’ morto avvolto tra le fiamme appiccate alla sua casa da coloni israeliani nel villaggio di Kfar Douma vicino a Nablus in Cisgiordania. Il piccolo si chiamava Ali Saad Daubasha. Il padre e la madre, Saad e Reham e un altro figlio di 4 anni, Ahmad, sono stati ricoverati in ospedale a Nablus, in condizioni gravissime. Secondo i testimoni il padre e’ riuscito a salvare la moglie e l’altro bimbo ma non e’ riuscito ad individuare nel fumo e nel buio il piu’ piccolo Ali.

Guarda il VIDEO

I coloni, almeno 4, hanno lanciato bombe molotov contro la casa e poi hanno scritto sui muri con delle bombolette spray frasi inneggianti alla “vendetta” e “lunga vita al Messia” prima di scappare. Prima di gettare dentro le molotov avevano rotto le finstre per poter essere certi che gli ordigni incendiari sviluppassero le fieamme all’interno della casa e non si limitassero a danneggiarne i muri. “Siamo di fronte ad un attacco che si sospetta ispirato da un movente nazionalista”, ha dichiarato la portavoce della polizia israeliana, Luba Samri. “E’ un atto terroristico”, ha affermato il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, che si e’ detto “sconvolto” dalla tragedia. “E’ un chiaro atto di terrorismo e Israele agira’ con durezza a prescindere da chi siano gli autori”.

Guarda la galleria fotografica

L’esercito ha istituito dei posti di blocco nella zona e schierato soldati nel tentativo di trovare gli autori del gesto. I sospetti sono tutti appuntati su coloni estremisti. La tensione nell’area e’ altissima considerato che Hamas che aveva dichiarato oggi la “giornata della rabbia”, per gli scontri registrati al Monte del Tempio. Le dichiarazioni di Netanyahu non hanno convinto Saeb Erekat, il numero due dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), secondo cui “non si puo’ dissociare questo attacco barbaro” da un “governo che rappresenta una coalizione per la colonizzazione e l’apartheid”. “Israele deve mostrare tolleranza zero verso la violenza dei coloni e proteggere la popolazione locale”, ha detto Federica Mogherini, responsabile della Politica estera dell’Ue. Israele ha rafforzato con centinaia di uomini la sicurezza a Gerusalemme e ha limitato l’accesso, oggi, giornata di preghiera per i musulmani, alla Spianata della Moschee ai maschi con meno di 50 anni. Potranno invece entrare le donne di tutte le eta’. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.