TwitterFacebookGoogle+

Bitcoin per riciclare denaro dal traffico di droga: 11 arresti in Spagna

Sono stati arrestati oggi dalla Guardia civile spagnola i membri di una banda specializzata nel riciclaggio, anche tramite l’utilizzo di criptovalute, di denaro proveniente dal traffico di droga. Le autorità hanno condotto otto perquisizioni, nelle quali sono stati sequestrati numerosi computer, e undici arresti.

Un patrimonio di otto milioni e 369mila euro sparsi in 174 diversi conti correnti colombiani: con questa metodologia una banda di “blanqueadores” (sbiancatori in spagnolo), ha creato un sistema di riciclaggio di denaro internazionale. I criminali, basati nella penisola iberica, ricevevano il denaro da una rete di trafficanti di droga. Soldi che venivano poi versati in piccole somme su diversi conti correnti e prelevati dai bancomat del Paese sudamericano.

Cali, Bogotá, Medellin, Cucuta e Panama: queste le località preferite per il ritiro del denaro. Ma per paura di attirare l’attenzione delle autorità, la banda aveva deciso di cambiare modalità e di convertire i soldi in criptovalute (principalmente Bitcoin), servendosi di sportelli automatici in Finlandia. Il denaro veniva così versato lo stesso giorno nei conti colombiani.

L’operazione è stata condotta con la collaborazione delle autorità della Finlandia, Paese nel quale risiedono i bancomat utilizzati per acquistare criptovalute, e con il coordinamento dell’Europol. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.