TwitterFacebookGoogle+

Blitz a Taranto, 33 arresti per associazione mafiosa – VIDEO

Roma – Blitz a Taranto, in manette clan mafioso. Sono 33 le persone arrestate stamattina dalla Polizia di Stato, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, estorsione aggravata dal metodo mafioso, rapina aggravata, detenzione illecita di armi clandestine, danneggiamento aggravato dal metodo mafioso e altro. Le indagini, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Lecce, hanno preso il via dopo la scarcerazione di Cosimo Di Pierro, finito ai domiciliari per motivi di salute, con facolta’ di allontanarsi solo ed esclusivamente per esigenze di vita primarie.

 

 

Ma come accertato dagli investigatori con intercettazione ambientale e telefonica, sin dalla sua scarcerazione, l’uomo aveva dichiarato di volersi “impossessare della citta’” e ricostruiva, a tal fine, una vera e propria organizzazione criminale che poteva contare su una continua disponibilita’ di armi ed esplosivi e che aveva la capacita’ di imporre il ‘pizzo’ a commercianti e spacciatori dei quartieri “Borgo” e “Solito”.
 

Di Pierro, secondo gli inquirenti, poteva contare su numerosi giovani “fedelissimi” che ne rappresentavano il braccio armato. Per rafforzare il legame tra i sodali, come emerso dalle attivita’ tecniche, erano previste anche cerimonie di iniziazione e di affiliazione, sulla falsariga dei rituali di matrice ‘ndranghetista, da cui ne mutuavano anche il gergo. In particolare, il rituale praticato era articolato in piu’ fasi: vi era una prima fase in cui veniva recitato, come una litania, il testo propiziatorio, contenente i canonici riferimenti a Mazzini, Garibaldi e Lamarmora, seguito poi dalla “punciuta”, cioe’ il rito della puntura dell’indice della mano, con il sangue che viene adoperato per imbrattare un’immaginetta sacra a cui viene dato fuoco. Il sodalizio, inoltre, interagiva con altre consorterie criminali locali.

 

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.