TwitterFacebookGoogle+

Boom di bimbi allergici, ecco nuove linee guida dei pediatri

(AGI) – Roma, 28 gen. – La somministrazione di probiotici in
gravidanza, durante l’allattamento materno e al bambino dopo la
nascita riducono sensibilmente il rischio di sviluppare
allergie, in particolare l’eczema cutaneo. Questa la nuova
frontiera per contrastare l’insorgenza delle allergie nei
bambini, un fenomeno che colpisce, in Italia, il 35% dei
ragazzi di 13-14 anni e il 40% dei soggetti in eta’ pediatrica
nel mondo. Le nuove linee guida per prevenire e combattere la
malattia allergica nei piu’ piccoli, sono state presentate
stamani, all’incontro organizzato a Roma dall’Ospedale
Pediatrico Bambino Gesu’, alla vigilia del Congresso
internazionale “Allergie in eta’ pediatrica: dal mito alla
realta – EBM prevention of pediatric allergy”. Hanno
partecipato tra gli altri il presidente dell’Ospedale
Pediatrico Bambino Gesu’, Giuseppe Profiti, il presidente
dell’Organizzazione Mondiale per le Allergie WAO, Lanny J.
Rosenwasser, il presidente dell’American College of Allergy
Asthma and Immunology, James Sublett. L’Organizzazione Mondiale
per le Allergie (WAO) raccomanda, per la prima volta, l’uso dei
probiotici come strumento di prevenzione. La validazione
scientifica dei benefici per la salute di questi microrganismi
alimentari, e’ contenuta nelle nuove linee guida internazionali
elaborate da un gruppo di lavoro coordinato dall’Ospedale
pediatrico Bambino Gesu’ di Roma. Per l’elaborazione delle
nuove linee guida e’ stato adottato, per la prima volta, il
metodo Grade: un sistema in 10 fasi per la formulazione di
raccomandazioni scientificamente fondate, flessibili e
svincolate da influenze esterne. “Siamo ospiti fieri anche per
la collaborazione del nostro ospedale alla redazione delle
linee guida – ha detto Profiti – che sintetizzano il ruolo
della prevenzione, per impedire l’insorgere della malattia o
ridurne gli effetti. A queste linee guida e’ attribuito un
compito importante”. Per il presidente del WAO, Lanny J.
Rosenwasser, “riscontriamo una crescita della malattia
allergica in eta’ pediatrica nei Paesi occidentali e in quelli
che si stanno occidentalizzando. Il metodo Grade, grazie al
ricorso probiotici, permette la prevenzione della malattia
allergica nei bambini”. Tra le cause di questa impennata, che
in Italia ha visto triplicare i casi di allergia negli ultimi
20 anni, la riduzione del contatto con elementi naturali come
gli animali, la qualita’ dell’aria che si respira e i nuclei
familiari ridotti (i primogeniti e figli unici sono a maggior
rischio di sviluppare la malattia allergica), la minore
esposizione al sole. Tutti fattori che intervengono nella
modificazione del sistema immunologico, predisponendo i piu’
piccoli allo sviluppo di allergie. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.