TwitterFacebookGoogle+

Borse depresse da Fed, cindici negativi in tutta Europa

(AGI) – Milano, 18 set. – Borse ‘depresse’ in tutta Europa dopo la decisione della Fed di lasciare invariati i tassi d’interesse. Tutti i mercati azionari del vecchio continente mostrano indici negativi e Milano risulta la peggiore. C’era grande attesa ma alla fine alla Fed ha vinto la cautela. L’annunciata stretta monetaria e’ rinviata forse, a ottobre: per ora i tassi restano invariati a quel minimo storico tra lo zero e lo 0,25% al quale sono inchiodati dal dicembre 2008. Janet Yellen, numero uno dell’istituto di Washington, e’ stata esplicita: “La ripresa ha progredito a sufficienza, ci sono ragioni per alzare i tassi ora e ne abbiamo discusso ma alla luce delle incertezze estere e dell’inflazione piu’ bassa, abbiamo deciso di aspettare”. Complice quindi anche il forte rialzo dell’euro sul dollaro (la moneta unica passa di mano a 1,1398 dollari e 136,39 yen) in Borsa sono rimasti penalizzati soprattutto i titoli delle aziende che esportano. Dopo un’apertura che ha visto Londra cedere lo 0,49%, Parigi l’1,04%, Francoforte lo 0,85%, Milano lo 0,53%, la situazione e’ via via peggiorata. E alle 14 l’indice Ftse Mib segna -2% e l’All Share -1,9%. A preoccupare gli investitori soprattutto le previsioni negative della Fed sull’economia mondiale, in particolare su Cina e paesi emergenti. Sul listino pagano dazio quasi tutte le blue chip, con Fiat che cede il 2,7%, Cnh -3% e tra le banche Banco Popolare -3,4%, Intesa -3%, Monte Paschi -2,7%, Bpm -2,8%. Male nella moda Moncler (-3,5%), Yoox -2,7%, Ferragamo -3%. La Fed ha scelto di “mantenere stabilita’ sui mercati” lasciando invariati i tassi di interesse. E’ il commento dell’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, all’indomani della decisione. “Personalmente mi aspettavo che avrebbero spostato la decisione piu’ avanti, e’ prevalso probabilmente il desiderio di mantenere stabilita’ sui mercati a seguito di difficolta’ che ci sono sui Paesi emergenti”. Leggermente positive invece le piazze cinesi in chiusura. Shanghai ha guadagnato oggi lo 0,38%, a 3097,92 punti (dopo avere aperto in rialzo dello 0,46%) mentre Shenzhen ha chiuso la seduta in rialzo dell’1,14%. Positiva anche Hong Kong, che nel primo pomeriggio segnava un aumento dello 0,35%. Negativa invece, Tokyo, che ha chiuso in ribasso dell’1,96%. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.