TwitterFacebookGoogle+

Borse europee aprono in forte rialzo su scia Asia

(AGI) – Roma, 30 set. – Le borse europee aprono in forte rialzo, sulla scia dei listini asiatici e in particolare di Tokyo che rimbalza a +2,7%. Londra avanza dell’1,57%. A Milano l’indice Ftse Mib cresce dell’1,51% a quota 21.039. Francoforte guadagna il 2% e Parigi sale dell’1,96%.

Borsa Tokyo: rimbalza e chiude in rally, Nikkei +2,7% La borsa di Tokyo rimbalza dopo lo scivolone di oltre il 4% di ieri. L’indice Nikkei chiude in rialzo del 2,7% a 17.388,15 punti. Si chiude cosi’ un brutto trimestre per Tokyo che lascia sul terreno il 14%. In evidenza finanziari ed assicurativi, mentre Japan Tobacco perde il 6,7% dopo l’acquisto per 5 miliardi di dollari dei diritti non Usa di Natural American Spirit. Le borse asiatiche sono in rally. A Hong Kong Glencore, il re del trading sulle materie prime sale del 14%, dopo aver chiuso ieri a Londra a +17%, reagendo ai precedenti cali che avevano toccato il 30%. Shanghai cresce dello 0,97%, Hong Kong dell’1,57%, giu’ dello 0,87% Seul. Rimbalza, in apertura, il titolo Volkswagen, che a Francoforte avanza del 5,8%.

Titoli Stato: spread Btp/Bund apre a 113 punti Nelle prime contrattazioni, lo spread tra Btp decennali e omologhi tedeschi e’ a 113 punti. Il rendimento e’ all’1,71%. Il differenziale Bonos/Bund si attesta a 131 punti per un tasso dell’1,89%.

Euro: apre sopra quota 1,12 dollari Lo yen frena, dopo i picchi toccati ieri e l’euro resta sopra quota 1,12 dollari, mentre i mercati azionari si calmano. La moneta europea passa di mano a 1,1227 dollari, euro/yen a 134,64 e dollaro/yen a 119.94. C’e’ attesa per un intervento di Janet Yellen stasera negli Usa.

Petrolio: prezzo in calo, Wti sotto 45 dollari Il prezzo del petrolio e’ in calo, mentre i mercati sono in attesa dei dati odierni sulle scorte settimanali Usa e mentre il rallentamento dell’economia cinese continua a preoccupare gli investitori. Sui mercati asiatici i future sul Light crude Wti arretra di 37 cent a 44,86 dollari e quelli sul Brent cedono 29 cent a 47,94 dollari al barile. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.