TwitterFacebookGoogle+

Borse europee: chiudono in calo tranne Madrid

(AGI) – Roma, 10 mar. – Il rally innescato dalle nuove e ingenti misure di stimolo annunciate dalla Bce sfuma subito e le principali borse europee chiudono negative con la sola Madrid che arranca sopra la parita’, segnando un +0,07% a 8.767 punti. L’Ftse 100 di Londra perde l’1,78% a 6.037 punti, il Dax di Francoforte arretra del 2,31% a 9.498 punti, il Cac 40 di Parigi scende dell’1,70% a 4.350 punti e l’Ftse Mib di Milano segna -0,50% a 18.118 punti.
La brusca inversione di tendenza non e’ semplice da interpretare. I listini mostrano una flessione forte e generalizzata dei titoli industriali e delle materie prime (il prezzo del petrolio era pero’ tornato in calo gia’ stamattina). Cio’ e’ probabilmente connesso all’impennata dell’euro successiva alla dichiarazione di Draghi secondo la quale non e’ previsto un ulteriore abbassamento del costo del denaro. I titoli delle imprese esportatrici che speravano in un tonfo della moneta comune sono quindi stati puniti.
L’andamento dei finanziari e’ invece diseguale. Milano e Madrid se la sono cavata perche gli acquisti sui bancari sono stati abbastanza robusti da limitare i danni. A Francoforte invece vanno in rosso anche le banche, sia pur di poco. Cio’ esprime probabilmente il differente impatto dei nuovi stimoli sui diversi sistemi bancari dell’Eurozona. Le banche italiane e spagnole, con la pancia piena di sofferenze, hanno guardato con sollievo al nuovo piano di ‘Tltro’ e all’estensione del ‘Qe’ ai covered bond, che avra’ un impatto positivo su quelle aziende che della banche sono debitrici. Cio’ sembrerebbe confermato dalla chiusura in rialzo di Atene (+2,09%) e dalla lievissima flessione di Lisbona (-0,11%). L’erosione della redditivita’ degli istituti connessa ai tassi negativi preoccupa invece soprattutto le banche tedesche, come dimostrato dalle forti critiche delle ‘sparkasse’, le casse di risparmio teutoniche, nei confronti della politica della Bce. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.