TwitterFacebookGoogle+

Borse europee: chiudono negative con banche, Milano maglia nera

(AGI) – Roma, 7 apr. – Le borse europee chiudono negative. Sul morale degli investitori pesa l’allarme crescita lanciato da Mario Draghi e la possibilita’ che la Bce sia costretta ad agire ancora, portando ulteriormente sotto zero i tassi negativi. Tale prospettiva e’ sfavorevole per la redditivita’ delle banche. Tra i titoli piu’ venduti figurano quindi Deutsche Bank (-3,07%), Commerzbank (-2,72%), SocGen (-4,01%), Credit agricole (-2,75%), Bnp Paribas (-4,01%), Aviva (-4,66%), Lloyds (-4,91%) e Sabadell (-4,04%). Spiccano tra i peggiori anche Daimler (-5,18%) e Glencore (-5,78%).
In un contesto di ribassi diffusi, i petroliferi soffrono relativamente la frenata del barile, con Shell addirittura in territorio positivo (+0,25%). In controtendenza alcuni titoli legati al settore aeronautico (che dal calo dell’energia e’ invece favorito), dalla compagnia aerea Lufthansa (+0,80%) al costruttore Airbus (+0,32%).
Maglia nera a Piazza Affari, dove il comparto credito ha un peso particolare. L’indice Ftse Mib cede il 2,45% a 16.818 punti. Il Dax di Francoforte arretra dello 0,98% a 9.531 punti, il Cac 40 di Parigi perde lo 0,90% a 4.246 punti, l’Ftse 100 di Londra scivola dello 0,40% a 6.137 punti, l’Ibex di Madrid lascia sul terreno l’1,26% a 8.298 punti. (AGI)
Rme/Mau

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.