TwitterFacebookGoogle+

Bp pagherà 20 miliardi per marea nera Golfo Messico

Washington – Mancano 16 giorni al sesto anniversario del peggior disastro ambientale della storia: l’esplosione nel Golfo del Messico della piattaforma petrolifera d’altura Deepwater Horizon (che cercava il greggio alla maggiore profondita’ mai raggiunta: a 1.259 metri dal fondo del mare spingendosi per altri 1.500 metri nelle rocce, oltre il limite per cui era stata costruita). L’esplosione uccise sul colpo 11 persone e inquino’ gli stati americani che si affacciano sul golfo. Oggi l’ultimo atto legale del caso: un giudice federale della Lousiana ha confermato l’accordo con cui il colosso petrolifero Bp, che gestiva la piattaforma, versera’ un totale di 20 miliardi di dollari, di cui 5,5 miliardi saranno versati al governo Usa come multa e il resto per coprire le spese di recupero ambientale dell’area. La somma sara’ pagata in 16 anni. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.