TwitterFacebookGoogle+

Brexit: sondaggi dopo la morte di Jo Cox danno risultati inattesi

DI TYLER DURDEN

zerohedge.com

Prima dell’omicidio della parlamentare britannica Jo Cox, la campagna per il “leave” [uscita dalla UE, n.d.t] era in crescita nei sondaggi.

Questo accadeva prima che il FMI desse la sua versione del “siamo spacciati”, e prima che la Cox venisse uccisa.

La triste morte della parlamentare pro-UE Jo Cox ha dato inizio a un’ondata di acquisti sulla Sterlina che è proseguita per tutto il giorno nella speranza che il delitto (e gli sforzi di politicizzare le azioni di un folle) avrebbero portato o a un rinvio del voto o ad uno spostamento verso il “remain” [rimanere nella UE, n.d.t.]. Prima della chiusura JP Morgan aveva suggerito che non era questo il caso, e ora, come riporta USA Today, i primi sondaggi dopo il delitto rivelano una sorprendente oscillazione negli elettori pro- “remain”.

Secondo una società di sondaggi online l’appoggio per la permanenza nell’Unione Europea si è indebolito venerdì in seguito all’omicidio della parlamentare pro-UE Jo Cox.

La Qriously, una start-up tecnologica londinese che raccoglie dati e informazioni sui consumi tramite app per cellulari ha scoperto che l’appoggio di possibili sostenitori della permanenza nella UE è calato al 32% dal 40% precedente alla morte della Cox.

Il sondaggio si è basato su 1992 adulti intervistati tra il 13 e il 16 Giugno, e su 1002 adulti il 17 Giugno, il giorno dopo che la Cox è stata colpita a morte nell’Inghilterra settentrionale. La start-up sostiene che questo sia il primo sondaggio eseguito dopo il delitto. La Qriously esegue gran parte dei suoi sondaggi per aziende private e non aveva mai condotto prima un sondaggio sul referendum. Agli intervistati è stato chiesto: “Immaginate che il referendum si tenga oggi, votereste perché la Gran Bretagna resti membro dell’Unione Europea o lasci l’Unione Europea?”. Le risposte possibili erano 3: “Restare nella UE”, “Lasciare la UE”, o “Non so”.

La notizia che il quotidiano The Times si è schierato in appoggio al “Remain” (mentre The Sun, The Spectator, e The Telegraph appoggiano il “Leave”),e il fatto che Qriously abbia trovato un 52% di favorevoli a lasciare la UE nel referendum del 23 Giugno (data rimasta invariata dopo la morte della parlamentare),mostrano la divisione sociale in Gran Bretagna, ma l’indebolimento dell’appoggio per la permanenza nella UE è coinciso con uno spostamento verso il “non so”, che è cresciuto al 16% dal 9% precedente all’omicidio.

Le maggiori società demoscopiche, inclusa YouGov, rilasceranno i loro sondaggi successivi all’omicidio della Cox nel weekend. Con un annuncio sorprendentemente tardivo, probabilmente in risposta al sondaggio descritto sopra, la BMG/Herald ha mostrato i risultati di un sondaggio che, sorpresa, danno in vantaggio il “remain”: “Sondaggio telefonico della BMG/Herald dà un vantaggio di 7 punti per il remain”.

Discordante da tutti i sondaggi recenti… Scavando nei numeri si vede un quadro differente:

BMG #EUref polls:

Online
Remain: 45%
Leave: 55%

Phone
Remain: 53%
Leave 47%

Excluding Don’t Knows.

— Politico Daily (@Politico_Daily) June 17, 2016

 

Titolo originale: First Brexit Poll After Jo Cox Death Reveals Stunning Result

Fonte: http://www.zerohedge.com/

Link

17/06/2016

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16575

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.