TwitterFacebookGoogle+

Bruxelles, ministro Giustizia ammette errori su Ibrahim Bakraoui

Belgio – Il ministro della Giustizia belga, Koen Geens, ha ammesso che i suoi servizi non esono esenti da colpe nella mancata sorveglianza su Ibrahim el Bakraoui, il kamikaze della strage di Bruxelles di cui la Turchia aveva segnalato al Belgio l’espulsione, l’estate scorsa, ma che poi era finito in Olanda. “Non c’e’ stata forse una trasmissione sufficientemente rapida delle informazioni provenienti dalla Turchia, anche a livello belga”, ha riconosciuto in una dichiarazione ala testata Villa Politica. Per Geens c’e’ stato anzitutto un errore a livello di poliza giudiziaria ma anche da parte dei servizi del ministero della Giustizia si possono supporre mancanze sufficientemente gravi da averlo indotto a presentare le dimissioni, poi respinte, “nell’interesse della stabilita’ del Paese”. Per il ministro e’ evidente che se Barauoi e’ stato espulso verso l’Olanda vuol dire che “dal 14 luglio 2015 ci sono stati problemi manifesti di trasmissione di informazioni con gli ufficiali di collegamento belgi”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.