TwitterFacebookGoogle+

Bruxelles, ok a manovra Italia Katainen "rispettate norme Ue"

(AGI) – Bruxelles, 28 ott. – La Commissione europea al momento non giudica alcuno stato dell’Eurozona in “significativa violazione” delle norme Ue di bilancio. Lo scrive il commissario Ue agli affari economici, Jirky Katainen, in una nota stampa in cui da’ di fatto un primo via libera alle manovre di Italia, Francia, Austria, Slovenia e Malta, cioe’ i cinque stati considerati a rischio di “seria violazione” delle regole e ai quali la Commissione ha inviato la settimana scorsa lettere di avvertimento. Gli altri stati dell’Eurozona soggetti a tale esercizio di controllo non avevano suscitato la preoccupazione di Bruxelles.

“Dopo aver preso in considerazione tutte le ulteriori informazioni e miglioramenti comunicatici negli ultimi giorni, non posso al momento identificare casi particolarmente seri di non rispetto delle norme Ue, cosa che ci obbligherebbe a considerare un’opinione negativa in questa fase del processo”, si legge nella nota di Katainen, che quindi esclude la pubblicazioni di opinioni domani. Il commissario sottolinea tuttavia che a partire da questo momento la Commissione si accingera’ a “completare le analisi dettagliate dei progetti di bilancio”. Spettera’ poi alla nuova Commissione di Jean-Claude Juncker “adottare opinioni a novembre”, spiega Katainen, come sottolinea che “qualunque lacuna o rischio sara’ chiaramente evidenziato a quel punto” del processo di controllo dei conti dei paesi dell’eurozona. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.