TwitterFacebookGoogle+

C'è una nuova ipotesi di governo giallo-blu (senza Savona all'Economia)?

Far ripartire il tentativo di un governo giallo-blu. Luigi Di Maio rilancia: “La maggioranza c’è, si riparta dalla volontà del popolo”. L’offerta è quella di riproporre uno schema – c’è chi dice con Conte, altre fonti parlano di un esponente di centrodestra – che preveda l’asse M5s-Lega. Per chiudere all’esecutivo Cottarelli che stando ai numeri potrebbe non ottenere alcun voto al momento della fiducia in Parlamento. Una delle ipotesi è quella del passo indietro di Savona, ma Salvini anche oggi ha insistito sul nome dell’economista, “lo riproporrò quando sarò al governo”, ha spiegato.

#Salvini: non possiamo avere governo fantasma che magari aumenta l’iva e poi se ne va indisturbato. #dimartedì

— Matteo Salvini (@matteosalvinimi) 29 maggio 2018

Al momento il leader del Carroccio non sarebbe propenso a considerare la proposta dell’ex vice presidente della Camera ma la strada sarebbe quella di far partire il governo tecnico di Cottarelli in modo che si arrivi a sterilizzare l’aumento dell’Iva e si arrivi al voto a metà settembre. Non ad agosto, “non vorrei rompere le scatole agli italiani”, ha sottolineato Salvini.

#Salvini: nel contratto a cui abbiamo lavorato NON c’è scritto da nessuna parte che saremmo usciti dall’Euro. Avrei voluto andare in Europa per fare gli interessi degli ITALIANI. #dimartedì pic.twitter.com/atQkOiV7X7

— Matteo Salvini (@matteosalvinimi) 29 maggio 2018

C’è chi parla anche di un contatto tra il premier incaricato e i leader di M5s e Lega che avrebbero deciso di abbassare i toni nei confronti del Quirinale anche per evitare – su sollecitazione dell’ex commissario della Spending review – ulteriori speculazioni sui mercati. In ogni caso i contrasti emersi tra Salvini e Di Maio – sia sul ‘timing’ del voto (con il secondo che in un primo momento aveva detto sì all’accelerazione) che sul tema dell’impeachment – si sarebbero appianati.

Di Maio: “Impeachmente non più sul tavolo. Voto subito, pronti a collaborare con Mattarella” https://t.co/s108bAqIaU via @repubblica

— Ezio Mauro (@eziomauro) 29 maggio 2018

L’obiettivo è ora far partire le commissioni. “Dobbiamo approvare il Def”, ha spiegato questa mattina Giorgetti ai leghisti. Ma tra le forze politiche si continua a discutere della possibilità di arrivare alle elezioni anticipate a fine luglio, il 29. Lo propone soprattutto il Pd che non vuole essere nel mirino del Carroccio e ha deciso per questo motivo di astenersi sulla fiducia al governo Cottarelli. Domani l’ex commissario alla spendig review che oggi ha dovuto – secondo quanto trapelato da fonti parlamentari – far fronte a numerose rinunce di figure di primo piano che avrebbero dovuto entrare al governo – si presenterà al Colle per incontrare il presidente della Repubblica.

Dell’ipotesi di un nuovo tentativo di governo giallo-blu scrive anche La Stampa: quello che sappiamo finora è che diversi parlamentari leghisti e grillini sono stati preallartati, Luigi Di Maio ha annullato gli appuntamenti televisivi di oggi e di domani mattina, Cottarelli ha dilatato i tempi per la presentazione della lista dei ministri, l’impeachment del M5S contro Mattarella è ormai avviato al tramonto («Per quanto riguarda l’impeachment prendo atto che Salvini non lo vuole fare e ne risponderà lui come cuor di leone ma purtroppo non è più sul tavolo perché Salvini non lo vuole fare e ci vuole la maggioranza» ha detto Di Maio al suo arrivo a Napoli per un appuntamento in piazza rispondendo ai cronisti).  

Resta il nodo del ministro dell’Economia. I 5 Stelle hanno fatto sapere che non si opporranno a un passo indietro di Paolo Savona. Ma è una decisione che spetta alla Lega e che deve prendere Matteo Salvini assieme all’economista. Il capo del Carroccio però appare granitico: su Savona non si cede. Secondo i 5 Stelle, a questo punto, se il professore non si sacrificherà, l’unica mediazione è possibile è l’affiancamento di Savona con altri ministri di peso e due sottosegretari.  (Leggi qui il servizio integrale)

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.