TwitterFacebookGoogle+

Caccia: Pd, commissario per cinghiali nei parchi

(AGI) – Milano, 6 set. – Lasciare da parte le ideologie per adottare un approccio scientifico al tema della caccia: e’ la scommessa che associazioni venatorie e associazioni ambientali, prima fra tutte Legambiente, fanno assieme alla festa dell’Unita’ dove si e’ svolto oggi l’incontro moderato dal direttore dell’Unita’, Erasmo D’Angelis. All’incontro ha partecipato Osvaldo Veneziano di Arcicaccia, il responsabile per la biodiversita’ di Legambiente Antonino Morabito, Gianluca Dall’Olio della Federazione Italiana della Caccia, Giampiero Samurri, presidente Ferderparchi ed Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera. “E’ una foto di gruppo importante quella che c’e’ qui oggi”, ha detto Realacci: “rispetto chi e’ contrario all’uccisione di animali , ma la bussola deve essere la gestione degli equilibri ecologici e l’interesse del Paese. Il mondo venatorio deve tornare a parlare con una sola voce. Se si arrivasse a un referendum contro la caccia sappiamo bene che la grandissima parte dell’opinione pubblica sarebbe contro la caccia. Sappiamo altrettanto bene che c’e’ una parte del mondo venatorio che e’ parte del Paese. Non penso ad alleanze solo con Legambiente, ma anche con Slow Food, ad esempio. C’e’ un’idea di Italia fatta di territori, di persone, di coltura che non fa parte del passato, ma e’ un ossatura dell’Italia e ance dell’Expo. Se non si guarda a quell’Italia non si capisce la forza del Paese”. Per questo Realacci annuncia: “Domani presentero’ una interrogazione al ministero dell’ambiente per individuare una persona che affronti il tema della proliferazione dei cinghiali dei parchi, cosi’ da trovare una soluzione complessiva al problema”. “Dobbiamo lasciare le ideologie al passato. L’attenzione alla filiera alimentare e’ segno di un modo che sta cambiando e il nostro impegno deve essere mettere intorno a un tavolo interessi diversi per l’interesse generale del paese. Se, come associazioni venatorie, rimaniamo nella logica delle corporazioni rimaniamo zavorra. Dobbiamo pensare a tavoli che comprendano la diversita’, pensando all’interesse generale del paese. Per responsabilita’ anche di Arcicaccia”, ha sottolineato ancora Veneziano, “il mondo venatorio ha sbagliato la sua collocazione esaltando l’aspetto ludico dell’attivita’ venatoria. Ma l’aspetto ludico e’ un aspetto del tutto individuale. Al centro dobbiamo mettere il val ore di alcune carni al servizio del paese. Una risorsa sommersa del Paese che va messa al servizio dell’economia del paese stesso. Un’idea, per esempio, sarebbe quello di abbinare i vini alle carni di questi animali che puo’ diventare, forse, un patrimonio di quei territori. Questo primo appuntamento puo’ essere l’inizio di una riconciliazione: di questo ringrazio l’unita’ e la Festa dell’Unita’”. Antonino Morabito, responsabile biodiversita’ di Legambiente, sottolineando come rispetto a un secolo fa “c’e’ un raddoppio del verde rispetto nel nostro Paese”, ha sottolineato che “l’Italia porta un patrimonio di biodiversita’ in Europa. La sfida di oggi e’ la gestione e la cura della casa comune, una sfida ecologica e sociale prima ancora che economica. Preso atto che molte conseguenze della crisi economica provengono dalla crisi ecologica”, ha aggiunto Morabito, “occorre rimettere la seconda sfida al centro. L’ecologia e’ una scienza non una ideologia ed e’ quindi interesse generale cercando di mettere insieme le diversita’ per affrontare una strada comune. Parlare di animali porta un carico forte di empatia rispetto agli esseri piu’ indifesi. Queste componenti spostano il confronto e il dibattito sulla emotivita’, che non va cancellata, ma riportando al centro la scienza, l’ecologia. Alcune specie, come i predatori, sono cresciuti con un indice sempre piu’ alto rispetto alla specie preda. Non basta introdurre piu’ cinghiali e caprioli a mettere in salvo il lupo. Scientificamente questo non avviene. Noi vogliamo come componenti di questa famiglia italiana metterci a disposizione”, ha concluso Morabito”. “Alcune delle problematiche che abbiamo di fronte come la gestione della specie aliene, la seconda causa di perdita di biodiversita’ del mondo, richiede un approccio avulso da qualsiasi ideologia”, avverte il presidente di Federparchi Giampiero Samurri: “Abbiamo il dovere di intervenire con razionalita’. Ci vuole razionalita’ su temi come la gestione del cinghiale, un problema in tutti i territori e soprattutto nei parchi. Il cinghiale e’ una specie che si puo’ gestire. Con l’unione di questi mondi e’ possibile trovare una sintesi”. Gianluca Dall’olio di Federazione Italiana della Caccia, si domanda “quale contributo da’ il ministero dell’agricoltura a questa cultura” ed auspica “un allontanamento delle tematiche della caccia dal ministero dell’agricoltura e un avvicinamento a quello dell’ambiente. La scommessa importante e’ avere una diversa unita’ delle associazioni venatorie. Libera caccia ad esempio ha sparato a zero sull’intesa che abbiamo cercato con Legambiente, dicendo che ci stavamo suicidando e proponendo un approccio di estrema destra, da celodurismo che e’ sbagliato a mio modo di vedere”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.