TwitterFacebookGoogle+

Cagliari omelia shock, il prete sull’altare: “Sono vergine e posso dimostrarvelo”

Omelia ‘movimentata’ quella celebrata da don Albino Lilliu nella parrocchia di San Luca a Quartu Sant’Elena, città dell’hinterland cagliaritano: ecco che cosa è successo

don-albino-lilliu-625x445Stanco delle maldicenze dilaganti in città, voci di paese sempre più frequenti sulla sua presunta condotta morale poco edificante, don Albino Lilliu ha deciso di dire ‘basta’ e mettere a tacere una volta per tutte le illazionisul suo conto.

Il sacerdote della parrocchia di San Luca a Quartu Sant’Elena, città dell’hinterland cagliaritano, ha scelto per difendersi un modo a dir poco sopra le righe, e un luogo ancorché inaspettato: la casa del Signore. Così, mentre officiava il rito religioso, impugnando il microfono sull’altare, si è fatto coraggio e ha esclamato:“Non sono fidanzato! Quelle che sentite in giro sono solo dicerie. Sono vergine e posso dimostrarlo, se volete mi faccio controllare dal medico davanti a voi”.

Sbalorditi i fedeli, abitanti della zona cagliaritana ‘Margine Rosso’ e qualche turista, rimasti a bocca aperta per le dichiarazioni del sacerdote che ha mischiato il ‘sacro’ al ‘profano’, pur di difendere la sua reputazione dairumors piccanti sul suo conto. Il quotidiano L’Unione Sarda ha parlato della vicenda di Don Albino Lilliu, che molto probabilmente paga lo scotto per essere un prete giovane e ‘social’, con tanto di profilo ufficiale Facebook.

http://urbanpost.it/cagliari-omelia-shock-il-prete-sullaltare-sono-vergine-e-posso-dimostrarvelo

http://retelabuso.org/blog/43381

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.