TwitterFacebookGoogle+

Cala la disoccupazione: +93mila posti a dicembre, +100 mila in un anno

(AGI) – Roma, 30 gen. – L’occupazione a dicembre aumenta dello 0,4% (+93 mila), tornando su valori prossimi a quelli di settembre. Su base annua la crescita e’ dello 0,5% (+109 mila). Lo rileva l’Istat. Dopo mesi di segno meno, rialza la testa il mercato del lavoro.

L’Istat rileva che a dicembre 2014 gli occupati sono 22 milioni 422 mila: l’occupazione a dicembre aumenta dello 0,4% (+93 mila), tornando su valori prossimi a quelli di settembre. Su base annua la crescita e’ dello 0,5% (+109 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,7%, aumenta di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima.

Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 322 mila, diminuisce del 3,2% rispetto al mese precedente (-109 mila) mentre aumenta del 2,9% su base annua (+95 mila).

Centomila posti di lavoro in più in un mese. Bene. Ma siamo solo all’inizio. Riporteremo l’Italia a crescere #lavoltabuona

— Matteo Renzi (@matteorenzi) 30 Gennaio 2015

Il tasso di disoccupazione a dicembre scende al 12,9%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali in termini congiunturali. Il calo osservato nell’ultimo mese e’ il primo segnale di contrazione della disoccupazione dopo un periodo di crescita che si e’ protratto nella seconda meta’ dell’anno.

Cala disoccupazione anche nell’Eurozona, minimo da agosto 2012

Rispetto ad un anno prima il tasso di disoccupazione e’ in aumento di 0,3 punti percentuali. Si tratta del calo piu’ forte dal 2011. Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente; anche a novembre l’inattivita’ aveva registrato un’analoga crescita, dopo il calo avviatosi nel mese di aprile. Su base annua l’inattivita’ si mantiene in calo dell’1,9%. Il tasso di inattivita’, pari al 35,8%, aumenta di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e diminuisce di 0,6 punti su base annua. Cala invece il tasso di occupazione giovanile, e anche quello di disoccupazione che si colloca a dicembre scorso al 42%: e’ in calo di 1 punto percentuale rispetto a novembre, ma aumenta dello 0,1% rispetto a dicembre 2013. Secondo l’Istat, sono 664 mila i giovani disoccupati ossia coloro compresi tra i 15 e i 24 anni. A dicembre sono calati pero’ gli occupati e cioe’ sono stati pari a 918 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in calo dello 0,7% (-7 mila) rispetto al mese precedente e del 3,6% su base annua (-34 mila). Il tasso di occupazione giovanile, pari al 15,4%, diminuisce di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,5 punti nei dodici mesi. Il numero di giovani disoccupati, pari a 664 mila, diminuisce del 4,7% nell’ultimo mese (-33 mila) e del 3,1% rispetto a dodici mesi prima (-21 mila). L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di eta’ e’ pari all’11,1% (cioe’ piu’ di un giovane su 10 e’ disoccupato). Tale incidenza e’ in diminuzione sia su base mensile (-0,5 punti percentuali) sia rispetto allo scorso anno (-0,3 punti). Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioe’ la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati o disoccupati), e’ pari al 42,0%, in calo di 1,0 punti percentuali rispetto al mese precedente e in aumento di 0,1 punti nei dodici mesi. Dal calcolo del tasso di disoccupazione sono pertanto esclusi i giovani inattivi, cioe’ coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, ad esempio perche’ impegnati negli studi. Il numero di giovani inattivi e’ pari a 4 milioni 382 mila, in aumento dello 0,9% nel confronto congiunturale (+37 mila) e dello 0,4% su base annua (+17 mila). Il tasso di inattivita’ dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 73,5%, cresce di 0,7 punti percentuali nell’ultimo mese e di 0,8 punti nei dodici mesi. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.