TwitterFacebookGoogle+

Calcio: sanzioni in arrivo per bChievo e Parma, a rischio la Serie A

Retrocessione in serie B, maxi multa oppure permanenza in serie A con la decurtazione di punti. Sono queste le varie ipotesi che potrebbero colpire Parma e Chievo domani in occasione dell’udienza presso il Tribunale Nazionale Federale della Federcalcio. La società emiliana è accusata dalla Procura della Figc di illecito sportivo, quella veronese di plusvalenza fittizie. La Società A.C.Chievo Verona “ribadisce con fermezza di sentirsi estranea alle contestazioni ricevute dalla Procura Federale della Figc, avendo sempre agito nel pieno rispetto delle norme federali” e di “riporre massima fiducia nelle decisioni della magistratura sportiva e si riserva di agire in tutte le sedi competenti contro qualsiasi iniziativa che possa ledere l’immagine del club”.

Il Chievo è accusato dalla Procura federale di aver effettuato scambi di giocatori con il Cesena. A quanto pare, le due società si sarebbero scambiati trenta calciatori e da qui sarebbero generate plusvalenze fittizie per oltre 25 milioni di euro, stando all’accusa della Procura federale.

Diversa l’accusa mossa dal Procuratore della Federcalcio Giuseppe Pecoraro nei confronti del Parma. Al centro della vicenda ci sarebbe l’attaccante Emanuele Calaiò accusato di aver violato l’articolo 7, commi 1 e 2 del Codice di giustizia sportiva. In particolare, quattro giorni prima dell’incontro del 19 maggio scorso valevole per la serie B tra Spezia (società nel quale militava fino al 2016) e Parma, il giocatore avrebbe inviato alcuni messaggi con l’applicativo Whatsapp a due colleghi avversari liguri, Filippo De Col e Claudio Terzi per un minor impegno agonistico. Il tutto era finalizzato alla promozione del Parma in serie A. Fini’ 2 a 0 per la squadra parmense e automatica, grazie al pareggio tra Foggia e Frosinone, e’ stata la promozione nella massima serie del calcio italiano.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.