TwitterFacebookGoogle+

Carceri piene in Norvegia, affittata una prigione di 'lusso' in Olanda

(AGI) – Oslo, 1 set. – Carceri piene, in Norvegia, dove l’amministrazione penitenziaria e’ stata costretta ad affittare una prigione nei Paesi Bassi per sistemare i piu’ di mille detenuti in eccesso. Un primo gruppo di 25 carcerati e’ stato inviato nella prigione olandese di Norgerhaven, considerata un penitenziario di ‘lusso’ e all’avanguardia. Domani ci sara’ una cerimonia alla presenza dei ministri della Giustizia dei due Paesi per il passaggio di consegne e l’insediamento del nuovo direttore norvegese, Karl Hillesland. Se Oslo ha cosi’ risolto il problema sovraffollamento (va detto che in Norvegia i detenuti vivono spesso in celle singole), l’affitto del carcere di Norgerhaven ha suscitato aspre proteste da parte dei carcerati olandesi, sfrattati da quelle che i media locali hanno definito “celle lussuose”, spesso affacciate su bei panorami e dove si puo’ cucinare e persino piantare verdure in un proprio orticello. “E’ una prigione molto comoda e piacevole”, ha confermato alla tv pubblica norvegese uno dei detenuti trasferiti, Kenneth Vimme, che sta scontando una pena di 17 anni per omicidio e si e’ offerto volontario per il ‘trasloco’. In una prima fase verranno spostati 112 prigionieri; di questi 79 sono volontari. Alla fine, la struttura di Norgerhaver dovrebbe ospitare 242 detenuti ‘norvegesi’. Un’altra prigione e’ stata affittata in Belgio. Al momento della liberazione, tutti verranno rimpatriati in Norvegia. La trovata ha comunque scontentato molte associazioni di familiari dei carcerati, costretti ora a effettuare lunghi viaggi per andare a trovare i loro cari. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.