TwitterFacebookGoogle+

Card. Farrell: inesperti e poco credibili i preti che preparano al matrimonio

Che i sacerdoti non siano le persone più “attrezzate” per insegnare alle coppie laiche come vivere la relazione nella convivenza e nel matrimonio, questo è innegabilmente un dubbio passato per la testa di molti. Sul tema è intervenuto il cardinale irlandese Kevin Farrell (prefetto del Dicastero vaticano per i Laici, la Famiglia e la Vita e responsabile dell’incontro mondiale della Famiglie che si terrà a Dublino a fine agosto) qualche giorno fa, rilasciando un intervista al bimestrale pubblicato della Conferenza episcopale irlandese, Intercom. E la cosa ha fatto notizia. In buona sostanza, infatti, il prefetto vaticano ha ammesso che i religiosi non sono le persone più credibili per insegnare agli altri come vivere nel matrimonio, semplicemente perché «non hanno mai vissuto quell’esperienza. Possono conoscere, solo in teoria, la teologia morale e la teologia dogmatica, ma non hanno l’esperienza di cosa significhi metterla in pratica tutti i giorni».

Farrell, convinto sostenitore di un maggiore coinvolgimento dei laici – e soprattutto delle donne – nella vita della Chiesa cattolica, ha anche ribadito che il clericalismo muore «non perché abbiamo fatto qualcosa per ucciderlo, ma per una semplice questione di numeri»: i preti sono pochi, sempre meno, e non hanno tempo per partecipare agli incontri di preparazione al matrimonio.

* Foto di Conan, tratta da Flickr, immagine originale e licenza. La foto è stata tagliata.

https://www.adista.it/articolo/59203

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.