TwitterFacebookGoogle+

Carlo e Camilla in Italia, per non far pensare alla Brexit

Due giorni dopo il ‘via libera’ ufficiale alla Brexit, il principe di Galles Carlo, erede al trono britannico, arriva in Italia. Viene dalla Romania, dove è approdato mercoledì e in Italia viene raggiunto dalla moglie, Camilla, duchessa di Cornovaglia.

Da Vicenza a Napoli passando per Amatrice

E’ il ‘soft power’ della Famiglia Reale, veri e propri ambasciatori di Londra che con la loro presenza rinnovano e rafforzano i legami con i Paesi amici. Il principe Carlo e la duchessa di Cornovaglia saranno in Italia fino al 5 aprile, un tour intenso, da Vicenza fino a Napoli passando per Firenze, in cui incontreranno anche Papa Francesco e i terremotati di Amatrice.

Le tappe italiane:

  • Roma
  • Amatrice
  • Firenze
  • Vicenza
  • Napoli
  • Ercolano

Al via la ‘charme offensive’ per ammorbidire la battaglia per la Brexit

Sarà la parte più importante di un tour europeo in cui, dopo Romania e Italia, andranno anche in Austria; e sarà l’occasione per rinsaldare i rapporti tra il Regno Unito e l’Italia. E’ stato il governo britannico a chiedere alle loro altezze reali la visita, nella chiave di una ‘charme offensive’ parallela a quella più dura, sul piano politico, che Londra si appresta a ingaggiare con il negoziato per la Brexit. Il principe Carlo è stato in Italia innumerevoli volte, ma stavolta il viaggio acquista un sapore particolare.

In agenda il primo incontro con Papa Francesco

Non è un caso che, da qui alla fine dell’anno, la Famiglia Reale avrà visitato la gran parte dei principali Paesi dell’Ue: oltre all’Italia, la Francia (i duchi di Cambridge, William e Kate, sono appena stati a Parigi), la Germania, la Polonia, mentre il re di Spagna Felipe andrà a Londra. Carlo e Camilla incontreranno per la prima volta Papa Francesco (avevano avuto un incontro privato con Benedetto XVI nel 2009); e per Carlo, molto attento alle tematiche dell’inquinamento e dello sfruttamento del pianeta, sarà l’occasione di incontrare il Pontefice che ha scritto Laudato sì, la prima enciclica sulla tutela dell’ambiente.

Ma con Francesco, il principe del Galles parlerà probabilmente anche di dialogo interreligioso e forse anche di protezione dei cristiani, visto che il principe di recente ha fatto un appassionato appello ai cristiani perseguitati in Medio Oriente. Il tour sara’ molto ricco, quasi vorticoso, con impegni (in tutto una trentina) spesso differenziati per il principe e la consorte.

E gli impegni rifletteranno i temi cari alla coppia, dall’agricoltura alla sostenibilità. Il principe e la duchessa saranno a Firenze per celebrare,insieme al British Council, il centenario del British Institute e in quell’occasione visiteranno il mercato di Sant’Ambrogio, un mercatino rionale dove i fiorentini trovano cibo a ‘km zero’ e verdure biologiche; visiteranno l’Opificio delle Pietre Dure, per ammirare le tecniche di conservazione dei beni culturali e anche l’abilità italiana nel recupero di manufatti molto complessi. 

Tappa nell’amata Firenze…

A Firenze il principe e la duchessa, molto attenti all’artigianato e l’identità locale delle aree rurali, avranno modo di gustare alcune eccellenze culinarie regionali Slow Food (il principe conosce bene il ‘patron’, Carlo Petrini); e parteciperanno a un evento che richiama la campagna della Fondazione del principe Campaign for Wool, che promuove le caratteristiche uniche, naturali, biodegradabili e rinnovabili della lana. Infine, in una cena a Palazzo Vecchio ospitata dalla Fondazione Palazzo Strozzi, l’erede al trono britannico ricevera’ il premio ‘Uomo del Rinascimento 2017’: e proprio in quell’occasione, il principe di Galles terrà il suo unico discorso pubblico.

…e ‘scalo’ da Marinella per le cravatte

Il primogenito di Elisabetta II farà tappa anche nella provincia di Vicenza, con una serie di impegni, per rendere omaggio alle vittime della prima guerra mondiale e celebrare il centenario dello schieramento delle truppe britanniche sul fronte austriaco. In contemporanea la duchessa andrà a Napoli dove visiterà La Gloriette, la villa napoletana sequestrata alla mafia e utilizzata per promuovere progetti mirati al supporto ai giovani per la socializzazione e la maggiore integrazione nella comunità.

Visitera’ anche Ercolano, per ammirare le collaborazioni internazionali ma anche le abilita’ italiane nel portare a nuova vita il sito archeologico. E farà tappa da Marinella, il celebre negozio di cravatte che usa per il 70% sete inglesi. Insomma una serie di impegni a raffica a conferma che il governo britannico, mentre sceglie la Brexit, tende la mano al continente con il ‘soft power’ della sua carta vincente, la Famiglia Reale. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.