TwitterFacebookGoogle+

Caserme abbandonate: presto saranno del Comune

BOBBIO PELLICE – Alcune delle caserme abbandonate di Bobbio, in tempi non troppo lunghi, potrebbero finalmente essere acquisite dal Comune e trasformate in magazzini e alloggi.Lunedi 29 settembre, in Consiglio sono state deliberate le finalità di questi edifici, in modo da poter presentare al Demanio una relazione ed avere così il definitivo via libera.«I lotti in questione sono due – ha spiegato il sindaco Patrizia Geymonat -: l’edificio del Genio militare, posizionato proprio vicino alla piazza, dove intenderemmo ricavare un magazzino per i mezzi comunali e la sede per Protezione civile e Aib, e quello della caserma della Finanza è caserma ufficiali che, diviso in due, potrebbe essere in parte venduto e in parte trasformato in alloggi di edilizia convenzionata e agevolata».I contatti che il Comune di Bobbio ha con il Demanio sono buoni e, in breve tempo, i beni dovrebbero essere acquisiti a titolo totalmente gratuito. «E’ un’ottima opportunità, sia per fare cassa, qualora riuscissimo a vendere parte di un lotto (in questo caso una percentuale del ricavato ritornerebbe allo Stato, ndr), sia per un utilizzo pratico del quale abbiamo effettivamente bisogno» conclude il primo cittadino.Tra gli altri argomenti trattati in Consiglio spicca la variazione al bilancio di previsione 2014 e la contestuale applicazione dell’avanzo di amministrazione. La voce più importante è quella relativa alla ristrutturazione e all’adeguamento degli spogliatoi degli impianti sportivi comunali. Per questo il Comune ha stanziato l5mila euro, ma intende chiedere un aiuto economico alla Regione.Gualtiero Falco(L’Eco del Chisone 1° ottobre)

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.