TwitterFacebookGoogle+

Cassazione: dare della 'toga rossa' non e' diffamazione ma elogio

(AGI) – Roma, 27 gen. – Definire un magistrato una “toga rossa” non e’ diffamazione, ma anzi, in alcuni contesti, puo’ rappresentare un elogio. Lo si evince da una sentenza con cui la terza sezione penale della Cassazione ha rigettato il ricorso di un pm, il quale aveva chiesto di essere risarcito perche’ definito “toga rossa” in un libro dedicato alla storia della lotta armata in Italia. Il tribunale di Milano aveva accolto la sua istanza e stabilito un risarcimento di 5mila euro in favore del magistrato, ma la Corte d’appello del capoluogo lombardo, nel 2010, aveva ribaltato il verdetto, sostenendo che “la censurata espressione di ‘toga rossa’, presa nel contesto di un’ampia trattazione sul periodo dei cosiddetti anni di piombo, non risultava usata in tono denigratorio o dispregiativo, bensi’ piuttosto in senso positivo, ossia per indicare l’atteggiamento di un magistrato inquirente che non si ferma alle apparenze e che gode di una ‘coscienza tranquillamente fiera’”. La Suprema Corte ha ritenuto “correttamente argomentata e priva di vizi logici” la ricostruzione dei giudici d’appello: la frase in questione, osservano i giudici di ‘Palazzaccio’ in una sentenza depositata oggi, “non assumeva, in relazione al contesto complessivo dell’opera, alcuna valenza denigratoria, quanto invece doveva ritenersi in qualche modo elogiativa”. La Cassazione ha condiviso anche l’osservazione della Corte d’appello secondo cui “il fatto che il testo in oggetto si riferisse anche alla circostanza che le toghe rosse erano particolarmente sgradite al presidente del Consiglio (dell’epoca) ed ai suoi giornali – si legge nella sentenza – non poteva comunque integrare gli estremi della diffamazione, dato il carattere del tutto soggettivo del giudizio di ‘sgradevolezza’”. (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.