TwitterFacebookGoogle+

Catalogna, la Guardia Civil oscura i siti sul dominio .cat (che però riescono a migrare)

La crisi costituzionale spagnola diventa un affare di Internet, dopo che la Guardia Civil ha fatto irruzione ieri mattina, negli uffici della Fundació puntCAT, organizzazione con sede a Barcellona che registra i domini catalani ‘.cat’. Obiettivo dell’azione repressiva è l’oscuramento dei siti, registrati sul dominio catalano, contenenti informazioni relative al referendum sull’indipendenza della regione spagnola, che si dovrebbe tenere il prossimo primo ottobre.

Leggi anche: Notte in piazza per l’Indipendenza della Catalogna. Si schiera anche il Barcellona

Right now spanish police @guardiacivil is doing an intervention in our office @ICANN pic.twitter.com/nh0b1lnrv7

— Fundació puntCAT (@puntcat) September 20, 2017

“Estem amb tu Pep” – siamo con te Pep – scrivono i membri della fondazione sul loro canale Twitter. Pep è Pep Masoliver, direttore tecnico della fondazione, che è stato arrestato ieri mattina nella sua abitazione, a circa 50 chilometri da Barcellona, e che è attualmente detenuto con l’accusa di “sedizione”. Le forze dell’ordine, intervenute come forza di polizia giudiziaria, hanno eseguito il mandato disposto dal giudice della tredicesima corte investigativa di Barcellona.

Indignats per la detenció del nostre amic i company. Exigim el seu alliberament immediat. #totsambtupep pic.twitter.com/2Tzk0CnrF8

— Fundació puntCAT (@puntcat) September 20, 2017

 

Il sequestro dei computer della Fundació puntCAT giunge dopo che, il 15 settembre, l’autorità giudiziaria aveva emesso un’ordinanza nella quale si chiedeva all’organizzazione di oscurare tutti i siti Internet ‘.cat’ che promuovono la consultazione elettorale. Tra le pagine sottoposte a censura anche ref1oct.cat, il sito web creato dalla Generalitat de Catalunya, che promuove la partecipazione della popolazione al referendum, giudicano illegittimo dall’organo di garanzia costituzionale. Ma il sito in questione era già stato migrato su altri indirizzi: referendum.love, referendum.ninja e referendum.party, oltre che ref1oct.eu. Tutti questi indirizzi sono attualmente funzionanti e consultabili. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.