TwitterFacebookGoogle+

Catania Calcio: calciatori intercettati; Abodi, "a rischio inizio campionato serie B"

(AGI) – Catania, 25 giu. – Dalle carte dell’inchiesta della Procura di Catania “treni del gol” che ha portato all’arresto dei vertici del Catania calcio, emergono particolari che coinvolgono non solo giocatori del club rossoazzurro ma che sembrano alimentare ipotesi sull’estensione dello stesso sistema corruttivo anche ad altre societa’. In un’intercettazione si parla di Bologna-Catania del 27 aprile. Gli interlocutori sono Daniele Delli Carri, ex direttore sportivo del Catania calcio, e Piero Di Luzio un procuratore sportivo, tutti e due arrestati martedi’ e con un passato nel Pescara. Discutono del fatto che e’ difficile potere corrompere giocatori del Bologna, inavvicinabili forse anche per i prezzi piu’ elevati. Di Luzio suggerisce a Delli Cari di non “far partire il treno dell’una e quello delle 5”.

Di Luzio questa volta parla di giocatori del Catania che potrebbero essere stati a loro volta corrotti. Dice Di Luzio: “il treno dell’una e il treno delle cinque non lo fare partire”, il riferimento sarebbe per gli inquirenti al portiere Gillet, numero uno rossazzurro e al difensore Raffaele Schiavi, numero cinque. Delli Carri chiede “per quando” e Di luzio replica per lunedi’ quando c’e’ in programma Bologna-Catania. Stupito Delli Carri s’interroga: davvero? E Di Luzio risponde: “Il treno nostro…”. Delli carri dice “ho capito, ho capito” e Di Luzio chiosa “pericolosissimo.. quello dell’una… pericolosissimo!” I due vecchi amici si conoscono da tanto e si capiscono a volo: “Stai sul pezzo raccomanda” Di Luzio, “Ho capito” replica Delli Carri. Di Luzio aggiunge ancora: “Detto direttamente da loro e hanno fatto un budget stratosferico.. Gli si piegano le gambe..non lo fare partire..stagli sul pezzo”. Delli Carri conclude: “Va bene”.

Intanto il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi, ospite ieri sera di “Speciale Calciomercato”, trasmissione di Sportitalia, avverte che il campionato di serie B potrebbe slittare. “L’inchiesta di Catania? I controlli non sono mancati. Slittamento dell’inizio del campionato di serie B? C’e’ questo rischio: servono pulizia e chiarezza”, dice Abodi. “Dispiace che si parli solo delle cose negative. Abbiamo 22 societa’ che lavorano costantemente con noi in un clima di armonia, con un impegno costante sull’integrita’. Sembra un discorso paradossale in questo momento ma devo valorizzare la stragrande maggioranza che non vende le partite. Se si sbaglia l’equilibrio tra la giusta intransigenza verso chi commette illeciti e verso la parte sana farei un torto, in un senso o nell’altro”, ha detto Abodi.”Ci siamo fidati delle 100 ore impiegate in giro per le citta’ incontrando i calciatori e i giovani, parlando dei rischi e delle pene legate alle scommesse illecite. Abbiamo controllato la situazione, forse dobbiamo fare di piu’. Qui si controlla tutto, sempre. Ero convinto, al di la’ delle anomalie riscontrate in sede di scommesse, che il campionato fosse stato lineare e regolare.L’ho pensato anche sulla base di un dato tecnico. Tutte le undici gare dell’ultima giornata decidevano qualcosa in classifica. Per noi poteva essere un livello di garanzia. Abbiamo svolto tutta una serie di attivita’ quotidiane legate alle 22 societa’, come portare i calciatori negli ospizi e nelle prigioni per allenare le coscienze”, ha aggiunto il presidente della Lega serie B.

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.