TwitterFacebookGoogle+

Cdm, al via i decreti sul Jobs Act. Renzi, "Piu facile assumere"

(AGI) – Roma, 24 dic. – Due temi caldi all’ordine del giorno del consiglio dei ministri di stamattina: i decreti attuativi del Jobs Act e il decreto legge per l’Ilva di Taranto.

Sara’ piu’ facile assumere, non licenziare“, questo il commento del premier Matteo Renzi sul discusso superamento dell’art. 18, oggetto di uno dei decreti attuativi della riforme sul lavoro.

“Faremo i decreti che prevede la delega”, “siamo sostanzialmente su tutto, ma non e’ questa la sede per discuterne”. Cosi’ il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, a Ballaro’, ha risposto ieri sera alle richieste di chiarimenti su quali saranno i dettagli dei decreti attuativi della legge delega sul jobs act.

E’ anche una giornata di attesa per tutti i cittadini di Taranto. A Palazzo Chigi approda infatti il nuovo decreto legge che non riguardera’ solo l’ammissione dell’Ilva all’amministrazione straordinaria (legge Marzano) e il coinvolgimento della societa’ pubblica Fintecna per la gestione transitoria della piu’ grande acciaieria europea, ma anche una serie di misure per Taranto.

Le richieste di Taranto per bonifica e salvaguardia imprese

Come ha annunciato il premier Matteo Renzi, sara’ un decreto legge con cui il Governo vuole scrivere il futuro della citta’, colpita negli ultimi due anni da un’emergenza ambientale e industriale, quella Ilva appunto, senza precedenti in Italia. Sul decreto Ilva, intanto, il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, incontrera’ i sindacati metalmeccanici nazionali Fim, Fiom e Uilm il 29 dicembre alle 14 a Roma. (AGI)

Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.