TwitterFacebookGoogle+

Cdm il 26, passi avanti su data referendum

Roma – “Stiamo cercando di diradare la nebbia sul referendum” e intanto Matteo Renzi, dal salotto tv di ‘Unomattina’, anticipa che la data della consultazione verra’ decisa dal Consiglio dei ministri del 26 settembre. Intanto, il presidente del Consiglio segnala che “se passa il si’ ci sara’ un fondo di 500 milioni di euro per la poverta’, se passa il referendum la cinghia la stringono i politici”. Satsera si terrà un atteso confronto, dopo le polemiche dei giorni scorsi, e Renzi manda a dire all’Anpi che “ci sono dei partigiani che votano per il referendum, altri che non votano, ringraziero’ ancora una volta i partigiani per quello che hanno fatto. Evviva la memoria del passato, ma vorrei anche – avverte – scrivere la storia del futuro”.

La questione riforme continua, comunque, a tenere banco e ancora sul dossier Italicum, il presidente del Consiglio ribadisce che “chiederemo agli altri partiti quali sono le loro idee. Il problema è che al ballottaggio può vincere uno con pochi voti”. Quindi, “se qualcuno ha delle idee migliori sulla legge elettorale le tiri fuori, altrimenti è un dibattito surreale”. “Attendo qualcuno che faccia delle proposte”, scandisce il premier. Una colorita risposta arriva da Gaetano Quagliariello: “Oggi che i nodi vengono al pettine, il presidente del Consiglio afferma che l’Italicum e’ un’ottima legge, ma che tuttavia e’ disponibile a prendere in considerazione altre proposte, il cui onere pero’ spetta ad altri. A me sembra, oltreche’ una furbata, un kamasutra politico-istituzionale. Altri la chiamano ‘apertura’, e si stupiscono pure che tanta ‘generosita” non venga apprezzata”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.