TwitterFacebookGoogle+

Cei: mons. Galantino ancora contro le Dat

Alessandro Santagata 29/01/2018 –

In occasione dell’ultimo Consiglio permanente della Cei si è tornato a parlare di fine-vita. Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza, ha definito la legge che introdotto le Dat (Disposizioni anticipate di trattamento) «controversa se non ideologica». Le obiezioni – ha spiegato nel dettaglio Galantino – riguardano «non solo la nutrizione e l’idratazione, ma l’abolizione dell’obiezione di coscienza da parte dei medici». «Speriamo che l’Ordine dei medici si risenta – ha proseguito – per recuperare proprio la figura del medico non solo come attuatore della volontà altrui, ma anche come portatore di scienza, coscienza e professionalità». Nel colloquio con la stampa, il segretario della Cei ci ha tenuto a fare presente che i vescovi non hanno trattato con il governo durante il dibattito parlamentare e non intendono certamente farlo oggi: «Non è compito della Chiesa fare leggi, ma continuare a proporre temi che impegnino la formazione […] Se si arriva a certi risultati legislativi, è probabilmente perché non abbiamo lavorato come si doveva, perché quella del credere al Vangelo diventasse anche una mentalità di vita». Al Consiglio si è parlato anche di natalità, argomento sul quale il Forum delle famiglie «ha lanciato un appello che ha ricevuto l’adesione e l’impegno corale di tutti i leader di partito».

http://www.adista.it/articolo/58196

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.