TwitterFacebookGoogle+

Cei nel business profughi: affitta ‘case vacanza’

La Cei annuncia di voler mettere le “case per ferie” cattoliche a disposizione per l’accoglienza dei finti profughi.

Ad annunciarlo è mons. Mario Lusek, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della Conferenza episcopale italiana. Le strutture religiose, “pur consapevoli delle difficoltà operative ancora da superare, garantiscono la loro disponibilità e il loro entusiasmo”, ha detto don Lusek a Radio Vaticana.

Entusiamo: 35 euro a ‘profugo’. Paghiamo noi. Questi, come gli affaristi degli hotel, vogliono monetizzare i loro hotel che non usano d’inverno. Spudorati.

Strano, non abbiano mai pensato di metterle a disposizione dei senzatetto italiani. Ah no, scusa, loro non hanno 35 denari in bocca.

http://voxnews.info/2015/09/14/cei-nel-business-profughi-affita-case-vacanza/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.