TwitterFacebookGoogle+

Centrodestra: Bianconi, si riformera' quando Cav si fara' da parte

(AGI) – Roma, 5 set. – “L’ultima cosa che vorrei fare e’ polemizzare con il senatore Altero Matteoli, col quale ho condiviso decenni e decenni di militanza. Ma nelle sue dichiarazioni di Giovinazzo propone una cosa contraria al vero ed un’altra politicamente insostenibile: quella contraria al vero e’ che “Fitto” cioe’ i Conservatori e Riformisti abbiano “ottenuto scarso successo elettorale”. Dobbiamo ancora fondare il partito, figuriamoci se ci siamo presentati alle elezioni. La seconda e’ che Forza Italia possa rappresentare non dico un attore, ma come egli sostiene “il coagulo del centrodestra”. Forza Italia ha sfasciato il centrodestra aiutando Monti, Letta con il Patto del Nazareno, con il sostegno alle assurde riforme dell’Italicum e del Senato, con tutto quello che gli interessi berlusconiani hanno prodotto di devastazione fra i nostri elettori”. Lo dice Maurizio Bianconi dei Conservatori e riformisti. “Ed e’ regola generale – aggiunge Bianconi – che il capo dei banditi non possa diventare lo sceriffo, ne’ l’assassino il giudice. Il centrodestra si riformera’ soltanto quando il partito di Berlusconi si fara’ da parte o seguira’ la sua naturale vocazione di diventare una costola del renzismo: d’altronde non dite tutti amici e non che Renzi e’ il figlio politico che Berlusconi avrebbe voluto? E allora basta con questa truffa mediatica. Mi dispiace che un uomo della storia politica del sen Matteoli si presti a questo giochetto”. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.