TwitterFacebookGoogle+

Ceta, dai 500 milioni di risparmi allo stop a "copie" prodotti doc 

Roma – Il Ceta – sul cui varo è impegnato il Consiglio europeo – è l’Accordo economico e commerciale globale tra l’Ue e il Canada. I negoziati sono cominciati nel 2009 e si sono conclusi nel 2014. Obiettivo del trattato è eliminare al 99% i dazi doganali e altri ostacoli alle reciproche esportazioni e all’accesso agli appalti pubblici, aprire il mercato dei servizi, offrire agli investitori condizioni prevedibili e “prevenire le copie illecite di innovazioni e prodotti tradizionali dell’Ue”. Il Ceta “una volta applicato – sostiene la Commissione europea – offrirà alle imprese europee nuove e migliori opportunità commerciali in Canada e sosterrà la creazione di posti di lavoro in Europa”. Se il testo del Ceta sarà approvato, potrà entrare in vigore all’inizio del 2017.

La firma è prevista per il 27 ottobre prossimo durante il vertice Ue-Canada. Ma per l’approvazione definitiva occorre la ratifica dei governi degli Stati membri Ue e del parlamento europeo. La sigla del Ceta è pertanto bloccata, al momento, dalla opposizione del parlamento della Vallonia, che ha assunto una posizione radicale contro il trattato da cui teme effetti negativi sulle proprie imprese e sull’occupazione. 

ESPORTATORI UE RISPARMIERANNO 500 MLN DA ABOLIZIONE DAZI 
Secondo la Commissione europea, i vantaggi del Ceta sono quantificabili: dall’abolizione dei dazi gli esportatori Ue risparmieranno circa 500 milioni di euro l’anno. Le imprese parteciperanno agli appalti in Canada, accederanno ai servizi e agli investimenti, potranno trasferire il proprio personale oltreoceano in via temporanea. Architetti, ingegneri ed esperti contabili potranno fornire i loro servizi in Canada. Saranno piu’ tutelati i prodotti Ue, dalle opere d’arte ai formaggi, alle innovazioni, da copie illegali. 

NIENTE PIU’ “COPIE” DI PROSCIUTTTI E FORMAGGI 
Basta quindi alle contraffazioni canadesi del prosciutto di Parma, del prosciutto della Foresta Nera, del Parmigiano, del formaggio Roquefort. Difatti, l’ampia gamma dei prodotti Ue di indicazione geografica beneficerà con il Ceta di una “tutela supplementare”. La Ue prevede benefici specialmente nel settore agricolo, perchè – scrive la Commissione – “l’apertura dei mercati può contribuire a mantenere bassi i prezzi, offrendo ai consumatori una scelta piu’ ampia”. 

UNA BARRIERA ALLE BISTECCHE ALL’ESTROGENO 
L’accordo non inciderà sulle norme ambientali Ue in materia di sicurezza alimentare. Questo significa che i prodotti canadesi potranno essere importati e commercializzati nei paesi europei solo se ne rispettano le normative. Non c’è dunque alcun rischio, per esempio, sull’import di carni bovine: se i produttori canadesi vorranno distribuirle a Roma o Parigi, dovranno rispettare i vincoli Ue su ogm e ormoni della crescita. 

L’accordo prevede inoltre un sistema di risoluzione delle controversie sugli investimenti per proteggere “gli investitori stranieri dalle discriminazioni o dal trattamento iniquo da parte dei governi”. Si tratta di un’azione a livello amministrativo, che non comporta interventi sulle leggi dei vari paesi ma offre agli investitori possibilità di ricorso nei casi di licenze, permessi o promesse incagliate nella burocrazia di un singolo Stato. è sulla falsariga di quanto avviene normalmente negli accordi già vigenti tra Ue e paesi di tutto il mondo o del Nafta, l’accordo di libero scambio Canada-Usa vigente dal 1994. 

CETA E TTIP,  DUE NEGOZIATI “DIVERSI” 

Il Ceta, sottolinea la Commissione europea, non ha nulla a che vedere con il Ttip (l’accordo commerciale negoziato con gli Usa): “Sono due negoziati distinti con due partner diversi. Negoziamo ciascun accordo separatamente e con condizioni differenti”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.