TwitterFacebookGoogle+

Charleston: donna nera toglie bandiera confederata South Carolina

(AGI) – Washington, 28 giu. – Bree Newsome, 30 anni, donna e nera, e’ riuscita nell’impresa simbolica di rimuovere – per meno di un’ora – la bandiera confederata, sinonimo di razzismo secondo la maggioranza negli Usa, dal pennone su cui sventola dal 1961 davanti al Congresso di Columbia in South Carolina. Simbolo rimesso in discussione dall’ondata di commozione popolare suscitata dalla strage di Charleston, sempre in South Carolina, dove un ragazzo 21enne ha massacrato 9 neri in una chiesa per scatenare una guerra civile tra bianchi e neri. La donna, scrive il Washington Post, e’ salita sul pennone alto 10 metri, e ha sganciato la bandiera (conosciuta come “star and bars” invece della ‘nordista’ e statunitense “stars and stripes”) ed e’ poi ridiscesa dove e’ stata ammanettata da un poliziotto nero e da uno bianco. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.