TwitterFacebookGoogle+

Charlie Hebdo ancora polemiche per due vignette su Aylan, il bimbo siriano morto in spiaggia

In un’altra vignetta della stessa edizione si vede Gesù camminare sul mare e un bambino annegato a testa in giù. La battuta che accompagna la vignetta è: “La prova che l’Europa è cristiana. I cristiani camminano sulle acque… I bambini mussulmani affondano”.

Un paio di settimane fa l’immagine di Aylan, morto insieme al fratello e alla madre nel tentativo di raggiungere la costa turca, ha fatto il giro del mondo scatenando un’ondata di emozione collettiva, amplificata dai social network.

Le due vignette hanno suscitato una risposta molto forte da parte degli organi d’informazione del mondo musulmano: il quotidiano turco Sabah The Daily ha affermato che le due immagini deridono la morte di un bambino annegato, il Morocco World News ha accusato la pubblicazione di “nascondersi dietro la libertà di parola”, il canale indiano Schoop Whoop ha opposto un secco “Je ne suis Charlie”.

Anche su Twitter e Facebook il dibattito si è scatenato. La rivista è stata accusata di razzismo e xenofobia, mentre le immagini sono state giudicate di “cattivo gusto” e “disgustose”.

I difensori sostengono che i cartoni non si fanno beffe del bambino, quanto delle istituzioni europee che non hanno fatto nulla perché ciò non avvenisse.

Il dibattito resta aperto: a chi spetta tracciare i confini della morale? È interessante rilevare le oscillazioni dell’opinione pubblica nei confronti di una pubblicazione che, prima e dopo i fatti dello scorso gennaio, ha dimostrato di non voler arretrare di fronte ad alcun tipo di “paletto” morale. Il giudizio sulle vignette è estremamente soggettivo, determinato dal background religioso, culturale ed esistenziale di ognuno di noi.

Di fronte a una pubblicazione del genere è ovvio che, ciclicamente, l’opinione pubblica si divida. La partigianeria, le prese di posizione pro o contro le provocazioni di Charlie Hebdo sono il frutto di una sorta di “borsa valori dell’emotività”. La concessione di un credito di libertà di pensiero illimitato, insomma, va bene fintanto che il pensiero è quello della maggioranza di questa “borsa valori dell’emotività”. Il massacro del 7 gennaio aveva spinto milioni di persone a dire “Je suis Charlie”. Non c’era nulla di razionale in questo schieramento al fianco di un magazine sconosciuto ai più.

Ora la parte più cospicua della “tifoseria” si schiera contro per una vignetta che – come molte altre su islam, cattolicesimo, politica – è di cattivo gusto. È soprattutto il fatto di utilizzare una foto iconica e un episodio di forte impatto mediatico a far sollevare tante polemiche. Nel 2009, dopo la morte di Michael Jackson, la vignetta dello scheletro del cantante fu messa in copertina con la scritta “Michael Jackson enfin blanc” ovvero “Michael Jackson alla fine bianco”.

Non è la prima volta che Charlie Hebdo gioca con una morte “pubblica” e, molto probabilmente, non sarà nemmeno l’ultima. Senza provocazioni e polemiche una testata del genere non può sopravvivere. La libertà di pensiero, insomma, potrebbe essere, molto prosaicamente, una questione di marketing.

https://it.notizie.yahoo.com/charlie-hebdo-ancora-polemiche-per-due-vignette-su-aylan-il-bimbo-siriano-morto-in-spiaggia-095728745.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.