TwitterFacebookGoogle+

Chef australiano si mangia a cena la moglie trans

Chef australiano si mangia a cena la moglie transSmembrata e cucinata dal marito chef. Che poi si è tolto la vita. La vittima è un trans, una prostituta di alto bordo che cercava di aiutare la famiglia in Indonesia vendendo il proprio corpo a Brisbane. L’omicidio-suicidio è avvenuto a Swank, nei sobborghi della città australiana, dove la donna è stata ammazzata e mangiata dal marito nel loro appartamento.

Tutto è iniziato sabato scorso quando è stato richiesto l’intervento della polizia in un condominio di Brisbane. Alcuni vicini si lamentavano del cattivo odore che proveniva da un appartamento al piano terra. Ad aprire la porta agli agenti di polizia è andato il 28enne Marcus Peter Volke che è riuscito a scappare fuggendo dal balcone. In casa la polizia ha trovato sul pavimento della cucina pezzi del corpo smembrato di Mayang Prasetyo. Sui fornelli, invece, c’erano pentole che cucinavano parti del corpo del trans. Successivamente, le autorità hanno trovato il corpo di Volke in un cassonetto. Apparentemente l’uomo si sarebbe suicidato con un coltello.

Come ricostruisce il Courier mail di Brisbane, Volke aveva sposato la Prasetyo lo scorso anno dopo averla conosciuta mentre lavorava su una nave da crociera. La vittima – fanno sapere gli inquirenti – era una prostituta d’alto bordo che pubblicizzava i propri servizi online. Da Lampung, in Indonesia, la madre di Mayang, che lei chiamava Febri, descrive la figlia come un vero e proprio capofamiglia che inviava i soldi a casa regolarmente per lei e le due figlie di 15 e 18 anni. La polizia sta indagando sul passato di Volke, ma non avrebbe trovato nessun segnale di malattia mentale né di uso di droghe.

Original Article >>

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.