TwitterFacebookGoogle+

Chi ha il cuore più tenero? Milano batte Roma 3-1

Roma – “Milan col coeur in man”: l’antico detto sembra trovare riscontro in una ricerca condotta in sette città italiane che ha evidenziato come i milanesi siano i più sensibili di fronte allo smarrimento di un orsacchiotto da parte di un bambino. Roma si è invece rivelata la città più indifferente mell’esperimento messo a punto dalla società di etichette britannica My Nametags che ha ‘abbandonato’ per le strade, nelle scuole, sulle panchine e nei parchi delle città coinvolte 200 orsacchiotti con un’etichetta con il nome di un bambino e un numero di telefono di riferimento.

L’obiettivo era misurare il grado di empatia e generosità nelle principali città italiane. I milanesi si sono rivelati i più sensibili, con il 30% di orsacchiotti riconsegnati. Seguono Firenze e Napoli con il 27%, Otranto e Rimini con il 19% e Bologna con il 12%. Chiude Roma, dove solo il 9% delle persone si è lasciato commuovere dal teddy bear e dal bambino che doveva averlo smarrito. Fra i “buoni samaritani” prevalgono le donne, con il 68%, contro il 32% degli uomini. Tutti i ritrovamenti sono avvenuti entro 24 ore dalla scomparsa degli orsetti.

“Nel nostro inconscio l’orsetto rimanda all’infanzia e alla famiglia” spiega Giuseppe Riva, docente di Psicologia della Comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano alla facoltà di Psicologia. “Chi è genitore sa bene che gli orsetti sono gli inseparabili compagni dei propri figli e la loro perdita genera sempre dolore e pianto. La presenza dell’etichetta personalizzata ha facilitato il processo empatico trasformando un orsetto anonimo in un bambino triste. Non è un caso che ad averlo restituito siano state più le donne, che sono più spesso a contatto con i figli e con le loro emozioni”.

Il primato dei milanesi impallidisce di fronte alla sensibilità dei britannici che hanno riconsegnato il 50% deigli orsacchiotti. (AGI)
 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.