TwitterFacebookGoogle+

“Chi scuoia il ministro?”: Renzi attacca, dov'è l'Ordine dei Giornalisti?

Durissimo attacco di Matteo Renzi all’ordine dei giornalisti durante il suo interventro all’assemblea degli amministratori locali del Partito Democratico a Rimini. “Dov’è l’Ordine dei Giornalisti quando un giornalista dice ‘chi lo scuoia’ rivolto a un deputato”, chiede l’ex premier a proposito di un fuorionda di ‘Dalla vostra parte‘, trasmesso da Striscia la Notizia il 17 gennaio scorso.

Dietro al titolo significativo “Chi scuoia il politico?”, il Tg satirico ha mostrato cosa è successo nella trasmissione di Rete4 di Belpietro prima che venisse data la parola al viceministro dell’Economia, Enrico Zanetti. Il video, ripreso da Corriere.it, mostra l’inviato della trasmissione, Mario Marcghi, che chiede: “Chi mi scuoia Zanetti? Chi è che s’incarica di scuoiarmi Zanetti?”

OdG: siamo già intervenuti, Renzi fa polemica per strappare applauso

“In relazione alla richiesta dell’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, su dove sia l’Ordine dei giornalisti che non sarebbe intervenuto davanti ad affermazioni che nulla hanno a che vedere con la correttezza professionale (“chi lo scuoia Zanetti?”) mi spiace dover precisare che il responsabile è già stato segnalato agli organi disciplinari, come risulta da giorni dallo stesso sito Odg”. La replica all’ex premier viene da Enzo Iacopino, presidente del Cnog, che aggiunge “Fare polemiche per strappare un applauso, senza documentarsi, non appare una testimonianza di grande correttezza”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.