TwitterFacebookGoogle+

Chi sono gli indagati per la tragedia di Rigopiano

C’è anche il presidente della Provincia di Pescara tra le sei persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura del capoluogo abruzzese per la tragedia dell’Hotel Rigopiano, distrutto da una valanga lo scorso 18 gennaio. Il disastro causò 29 vittime tra dipendenti e clienti del resort situato nel Comune di Farindola. I superstiti furono undici

Le ipotesi di reato sono omicidio colposo plurimo e lesioni colpose per 

  • Il presidente della Provincia Antonio Di Marco
  • Il dirigente delegato alle opere pubbliche Paolo D’Incecco
  • Il responsabile della viabilita’ provinciale Mauro Di Blasio
  • Il sindaco di Farindola Ilario Lacchetta
  • Il geometra comunale Enrico Colangeli.

Indagato anche il direttore del resort, Bruno Di Tommaso al quale l’accusa contesta invece la violazione dell’art. 437 del codice penale che punisce l’omissione del “collocamento di impianti, apparecchi, o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro”. Nella tragedia dell’hotel Rigopiano i superstiti furono undici. 

La Procura di Pescara aveva aperto un fascicolo contro ignoti su tutti gli aspetti della vicenda già lo scorso 23 gennaio, cinque giorni dopo la tragedia. “Tutta la vicenda edilizia relativa all’hotel è oggetto di indagine”, aveva detto il procuratore aggiunto di Pescara, Cristina Tedeschini. Che ha indagato anche sul tema delle comunicazioni. “Sia telefoniche che mail, WhatsApp e de visu”, aveva precisato, anche se i ritardi e le incomprensioni potrebbero “non avere una relazione causale nell’efficacia delle operazioni”. 

Per approfondire: tutte le tappe del disastro di Rigopiano

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.