TwitterFacebookGoogle+

Ciclista ucciso nel Bergamasco. E a Pesaro e' caccia a un pirata

(AGI) – Bergamo, 6 lug. – Un ciclista e’ morto la scorsa notte dopo essere stato travolto mentre pedalava lungo un tratto non illuminato. Poco dopo le 23 l’uomo, un immigrato, percorreva la provinciale fra Spirano e Urgnano quando quando e’ stato travolto da un’utilitaria che arrivava alle sue spalle, e il cui conducente lo ha visto solo all’ultimo istante senza riuscire ad evitarlo. Nello schianto il ciclista e’ stato scagliato nel campo che costeggia la strada. L’automobilista si e’ fermato a soccorrerlo e ha chiamato il 118. I medici hanno tentato per un’ora di rianimare il ferito, ma non c’e’ stato nulla da fare. Nel Pesarese, invece, la polizia stradale sta dando la caccia al pirata della strada che ieri mattina, a bordo di una Bmw di colore verde, ha travolto una donna in bicicletta che stava andando al lavoro in un albergo della zona mare. L’autista, secondo alcuni testimoni, si sarebbe fermato e, dopo aver verificato che la donna era morta, si e’ rimesso alla guida dell’auto, facendo perdere le proprie tracce. L’incidente si e’ verificato nella zona del porto: l’impatto tra l’auto e la bicicletta, che procedevano su direzioni opposte, e’ stato violentissimo e sulla strada sono rimasti pezzi di carrozzeria della vettura, che dovrebbe consentire agli inquirenti di risalire al proprietario, mentre due alberi sono stati scalfiti, con ogni probabilita’ dalla stessa auto, che ha sbandato prima di colpire e trascinare per alcuni metri la donna sulla sua bicicletta. Il primo a intervenire sul posto e’ stato un bagnino che ha cercato invano di rianimare la donna, che sarebbe pero’ morta sul colpo.(AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.