TwitterFacebookGoogle+

Cina: borsa Sganghai crolla 6,97%, sospesi 1.200 titoli

(AGI) – Pechino, 8 lug. – La bolla della borsa cinese, che in 12 mesi e’ cresciuta di oltre il 150% fino al 12 giugno scorso, e’ ormai scoppiata. La borsa di Shanghai ha apperna aperto registrando un tonfo del 6,97%, segnando – salvo ritracciamenti in corso d’opera – una perdita di oltre il 35% in meno di un mese. Oltre 1.200 i titoli sospesi dalle contrattazioni: prima dell’avvio degli scambi erano oltre 500. Non ha fatto meglio quella di Hong Kong che perde il 4,74 % in apertura di contrattazioni.

    La crisi finanziaria in Cina e’, secondo un’analisi del Daily Telegraph, il vero problema, rispetto “pantomima greca”. Secondo Jeremy Warner, vicedirettore e analista economico del Telegraph, “mentre gli occidentali si stanno concentrando sulla Grecia, una crisi finanziaria potenzialmente molto piu’ significativa si sta sviluppando dall’altra parte del Mondo. Quella che alcuni stanno iniziando a chiamare il 1929 cinese”, da nome della piu’ celebre crisi economica del secolo scorso, “che innesco’ la grande depressione”. (AGI) .

Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.